Tutti dovrebbero guardare il cortometraggio di Facebook sulla lotta alle fake news (video)

Giuseppe Tripodi -

Negli ultimi mesi Facebook è stato al centro di numerose polemiche: lo scandalo di Cambridge Analytica ha portato alla luce problemi sopiti che da tempo aleggiavano sopra il social network. Possiamo parlare di fake news, o più in generale di come Facebook gestisce l’algoritmo che regola il News Feed, ma quel che è certo è che Facebook ha un problema con la gestione delle notizie false.

Dopo le interrogazioni parlamentari, prima in USA e poi in Unione Europea, in cui Mark Zuckerberg ha provato a rispondere alle domande delle istituzioni, Facebook ha annunciato tre nuove iniziative per contrastare le fake news. Tra queste c’è anche il cortometraggio Facing Facts, in cui il team del social network spiega la complessita del problema.

LEGGI ANCHE: Perché Facebook ha rimosso 583 milioni di account e 837 milioni di post

In linea generale, Facebook continuerà ad addestrare Intelligenze Artificiali per far sì che queste riconoscano e filtrino automaticamente fake news (ossia notizie fabbricate ad arte e oggettivamente false), articoli clickbait o semplicemente pezzi troppo tendenziosi che ribaltano lo stato delle cose: a seconda del contenuto, Facebook si occupera di rimuoverlo, ridurne la penetrazione o informare l’utente di altri punti di vista.

Oltre questo, Facebook ha annunciato tre novità, a cui accennavamo su:

  • Campagne di alfabetizzazione: verranno pubblicate campagne per aiutare le persone a distinguere le notizie vere da quelle false e per spiegare come si sta muovendo Facebook. Troveremo contenuti di questo tipo in cima alla bacheca, ma anche in cartelloni pubblicitari in giro nel mondo reale: prima negli USA, poi nel resto del mondo
  • Accademici per misurare la disinformazione: nelle prossime settimane Facebook instituirà una commissione accademica che si occuperà di monitorare il volume di disinformazione su Facebook e i possibili effetti. La commissione avrà il compito di monitorare come cambiano questi aspetti nel corso del tempo e se le azioni intraprese da Facebook daranno i risultati sperati;
  • Cortometraggio “Facing Facts”: dulcis in fundo, il cortometraggio di cui abbiamo già parlato, che potete trovare in fondo.

Non sappiamo se una moderazione basata su Intelligenza Artificiale sia la risposta migliore, se è possibile “aggiustare” Facebook senza minare alla base il suo modello di business e quale sarà il futuro delle fake news ma, come riportato nel titolo vi suggeriamo di impiegare 12 minuti del vostro tempo per guardare Facing Facts: non solo perché è fatto bene (è girato dal documentarista Premio Oscar Morgan Neville), ma perché riassume i problemi che Facebook deve affrontare, che sono tutt’altro che banali e che riguardano tutti.

Fonte: Facebook
  • Tiwi

    ridicoli