Fastweb e Huawei uniscono l’Italia con la nuova rete in fibra a 200 Gbps

Vezio Ceniccola

È stato finalizzato negli ultimi giorni il completamento dei lavori sulla prima rete ottica flessibile FON (Flexible Optical Network) italiana, realizzata attraverso la collaborazione tra Fastweb e Huawei. La nuova rete in fibra ottica collega Milano e la Sicilia meridionale, con un percorso di oltre 2.300 Km che attraversa tutta la Penisola italiana.

Grazie all’utilizzo della tecnologia ASON (Automatically Switched Optical Network), le velocità garantite da questa infrastruttura arrivano fino a 200 Gbps. Inoltre, è supportato anche il reindirizzamento flessibile e automatico del traffico dati in caso di interruzione temporanea, cosa che assicura grande affidabilità e sicurezza per tutti i nodi di collegamento.

A livello tecnico, la rete utilizza il backbone OTN WDM principale di Huawei e include ASON a strato ottico e strato elettrico, 100G / 200G programmabile, Flex Grid e OTDR integrato. In questo modo è possibile gestire in tempo reale le risorse su tutta la rete e la qualità del servizio, aumentando l’efficienza dell’infrastruttura sia sul piano tecnico che economico.

LEGGI ANCHE: Netgear lancia i nuovi piani di sicurezza

L’obiettivo della collaborazione tra Fastweb e Huawei è quello di espandere ulteriormente la rete e aumentare ancora le velocità, per raggiungere i 400 Gbps entro i prossimi anni. La buona notizia è che questa nuova dorsale supporterà le più moderne soluzioni di connettività e sarà ancora più importante in futuro, quando potrà essere integrata con le future reti 5G.

Fonte: Fastweb
  • leonardo

    Considerando che hanno appena messo la 1gb da moltissime parti 200gb mi sembrano pochi, solo nella mia città avranno messo almeno un migliaio di nuovi posti, se questi utilizzassero anche soltanto il 20% avrebbero già occupato tutta la banda disponibile

    • Alberto Marullo

      A parte che ASON non c’entra nulla con la banda.. diciamo che l’autore non ha le idee chiare.. tentativo fallito di far pubblicità mediante un articolo tecnico