Google Assistant: ecco le nuove funzionalità in arrivo tutte incentrate sulla famiglia

Federica Papagni

L’occhio di Google durante questo 2020 continua ad essere rivolto in parte alle famiglie. Infatti, dopo aver lanciato ad esempio Kids Space sui tablet, l’azienda sta continuando a implementare in Google Assistant degli strumenti indirizzati proprio ai nuclei familiari.

Le nuove aggiunte dell’Assistente vocale di Google renderanno più semplice l’intrattenimento domestico, ma anche la possibilità di rimanere connessi con i propri cari. Con le nuove Family Note sarà possibile creare note adesive digitali per impostare dei focus sulle cose da fare in casa, cosicché nessuno ne rimanga all’oscuro. Per farlo basterà dire “Ehi Google, lascia una nota di famiglia con scritto…”.

Con Family Bell invece sarà possibile creare un promemoria che interessi l’intero nucleo o dicendo all’assistente “Ehi Google, crea una Family Bell” oppure selezionando l’apposita icona nelle impostazioni. Prossimamente sarà anche aggiunta la possibilità di mettere in pausa le proprie Bell per un solo giorno o per un lasso di tempo più breve. Se invece desiderate imparare qualcosa di nuovo in compagnia potete chiedere “Ehi Google, cosa posso imparare con la mia famiglia” per ottenere dei consigli e suggerimenti.

LEGGI ANCHE: Nuovi Mi Store in arrivo a Verona e Roma

Una funzione decisamente da segnalare permette a tutti gli utenti aventi un’età superiore ai 13 di poter chiedere a Google Assistant la posizione dei propri familiari. Tale richiesta verrà soddisfatta grazie a Life360 e Google Maps, che forniranno le informazioni desiderate. Inoltre, il team di sviluppo ha aggiunto una nuova categoria di storie “interattive” sia su smart display che sugli smartphone, che possono essere avviate dicendo “Ehi Google, raccontami una storia”. Infine, previa autorizzazione dei genitori, gli utenti di età inferiore ai 13 anni possono possono vivere un’esperienza personalizzata con l’Assistente Google quando accedono con il proprio account.

Le funzionalità finora descritte saranno interamente inserite all’interno di un’unica grande scheda “Famiglia” sugli smart display, che consentirà agli utenti di accedere rapidamente a questi diversi strumenti.

Fonte: Blog Google
  • Zanna

    Ma finitela con ste cazzate e pensate alle cose serie. Sono mesi che si aspetta il dialogo continuo, ancora non si possono condividere le routine fra membri della famiglia, non si possono temporizzare le azioni, non si contano più gli errori MMH per non parlare del fatto che ogni cosa che Google introduce o fa casino con altre cose o smette di supportarla vedi il “work with nest” che ha incasinato gli account Nest e Google, “work with Google Assistant” e adesso “work with hey Google” che non è ancora pronto ma intanto Philips Hue non si integra più con Nest. ancora non si gestisce il multi account che già ha fatto disastri a suo tempo su YouTube. Assistant su Android Auto è rotto da mesi senza una soluzione, non risponde alle domande, non gestisce le routine, legge i messaggi in inglese.
    Pensaassero di meno a cosa introdurre e si concentrassero su quello che c’è e non funziona e quello che la gente vuole veramente.

    • Kyras

      Sì infatti guarda stanno facendo troppe cose, e fatte male, bastero fermarsi un attimo e sistemare quelle che non funzionano 🤦

    • Lou54

      Hai ragione, considerando anche il fatto che col passaggio all’assistente 2.0 hanno tolto la possibilità della seconda lingua con la quale potevi sfruttare la conversazione continua. Adesso se fai le domande in inglese ti capisce ma risponde in italiano. Che senso ha?

    • Luca

      In realtà le azioni a tempo finalmente ci sono e funzionano con tutti i dispositivi luci e non…

  • Kyras

    Invece di perdere tempo con queste boiate sulla famiglia vedete di sistemare il problema di Android auto che continua a leggere i messaggi in inglese. 😡

  • Mario Gomez

    E la cosa che dici Hey Google e si attiva sui telefoni e tablet di tutta la famiglia che ha ascoltato?