Google Assistant vi aiuterà a scrivere la lista dei regali di Natale e vi dirà chi suona alla porta (foto)

Vezio Ceniccola Tante novità in arrivo per l'assistente vocale di Google, molte delle quali non saranno disponibili in Italia

Google Assistant si sta preparando ad arricchire ulteriormente la sua cassetta degli attrezzi, per fornire ancora più strumenti ai suoi utilizzatori. Le ultime novità riguardano alcune funzioni per la famiglia, molte delle quali in arrivo in tempo per il Natale, ma ci sono importanti aggiunte anche per l’utilizzo delle app compatibili e degli Smart Display.

Una delle nuove possibilità più interessanti è quella relativa alla creazione e alla modifica di liste, che supporta l’integrazione con Google Keep, Any.do, Bring! e Todoist. La funzione, disponibile solo su dispositivi Android e iOS, permette di creare da zero un nuovo elenco, aggiungere elementi ad uno già presente, o farsi leggere la lista dall’assistente vocale.

Per quanto riguarda l’integrazione con gli Smart Display, a breve sarà attivo il supporto alle risposte in broadcast, verrà attivato un nuovo pulsante per impostare allarmi rapidi dal pannello notifiche e sarà disponibile la condivisione rapida delle immagini tramite Google Foto: quando stiamo visualizzando una foto su schermo, basterà dire “Hey Google, invia la foto a Mario” per poter condividere il contenuto.

Gli Smart Display con Assistant saranno compatibili con il campanello smart Nest Hello, in modo da poter guardare direttamente chi sta suonando alla nostra porta e parlare a voce con lui attraverso Hello.

Ci sono, inoltre, molte altre novità per quanto riguarda gli aspetti più familiari dell’esperienza utente. Tramite la nuova funzione Pretty Please, Assistant saprà rispondere quando diremo “grazie” o “per favore“. Potremo chiedere all’assistente di mostrare il testo di una canzone sullo Smart Display, di leggere un libro ai nostri bambini o addirittura di chiamare Babbo Natale per sentire qualche canzoncina natalizia.

LEGGI ANCHE: IKEA e Xiaomi si alleano per l’IoT

Molte delle funzionalità descritte, in particolar modo quelle dedicate alle attività familiari, non saranno inizialmente disponibili in Italia. È probabile, invece, che gli strumenti per le liste e per l’integrazione con gli Smart Display possano essere attivati nelle prossime settimane, anche se non abbiamo ancora conferme in merito.

Fonte: Google