Google Assistant sempre più protagonista: mezzo miliardo di utenti e presto sarà anche un vero interprete (video)

Vincenzo Ronca

Google è presente al CES di Las Vegas con il suo grande spazio dedicato e, come avevamo preannunciato, uno dei prodotti protagonisti della rassegna è Google Assistant. BigG ha tirato un po’ le somme per il suo assistente intelligente, mostrandone anche il successo.

Google Assistant è attualmente compatibile con tantissime tipologie di oggetti smart ed è disponibile in almeno 90 paesi intorno al mondo, questo gli permette di raggiungere il mezzo miliardo di utenti. Nell’immediato futuro Google ha pianificato di espandere le funzionalità relative alla gestione della casa, soprattutto grazie agli Smart Display: sarà possibile gestire in modo condiviso le note relative alla casa, la gestione degli animali domestici e la lista della spesa, oltre a poter creare gruppi di contatti selezionati nell’ambito domestico.

LEGGI ANCHE: tutto sul CES di Las Vegas

L’altra prossima grande sfida per Google Assistant è il suo ruolo di interprete: basandosi sulla tecnologia di Speech Recognition, l’assistente intelligente sarà presto in grado di tradurre e leggere in tempo reale il testo presente in una specifica pagina web in un linguaggio sconosciuto. Attualmente le traduzioni sono disponibili in 42 lingue diverse. La modalità interprete verrà presto integrata in Google Assistant rendendolo pronto a essere usato in tutti i contesti turistici.

Google ha anche posto l’accento sulla questione privacy degli utenti: ha ribadito che quando i dispositivi sono in standby nessun dato verrà registrato e analizzato dagli algoritmi implementati da BigG. È possibile informarsi direttamente attraverso Google Assistant su come vengono gestite le informazioni personali da parte di BigG.

Google ha sfruttato l’occasione per annunciare anche nuovi dispositivi in grado di supportare il suo Assistant: tra questi troviamo speaker e soundbar di Aftershokz, Anker Innovations, Belkin, Cleer, Harman Kardon, Konka, JBL, Lenovo, Philips, Seiki e LG. Oltre a questo, già sappiamo che Assistant avrà un posto d’onore nell’ambito dell’integrazione di Android Auto nei nuovi modelli Volvo e BMW.

Fonte: Google