Google certifica su FCC quello che dovrebbe essere il nuovo Home, ma qualcosa non quadra (foto)

Enrico Paccusse - Una batteria così non si era mai vista nella serie Home, che si tratti di un altro prodotto?

La Federal Communications Commission (in breve, FCC) è l’ente americano dove spesso si trovano i primi indizi dei dispositivi che debutteranno sul mercato. Dopo la comparsa di Galaxy Home Mini, questa volta sembrerebbe il turno dell’assistente vocale di Google, ma alcune informazioni sono controverse.

Il nome in codice del nuovo dispositivo è A4R-H2B, e questo è il principale indizio che ci lascia credere appartenga alla serie Home, dato che tutti gli altri membri della famiglia hanno il prefisso A4R-H. C’è però un dato in particolare che sembra andare in contro tendenza, ed è la batteria.

LEGGI ANCHE: Un nuovo Google Wifi potrebbe essere presto in arrivo

Infatti, nella scheda del prodotto (immagine qui sotto) si parla di una batteria Li-ion 3.8V, che sarebbe il valore più basso mai visto nella serie e che quindi fa crescere non pochi dubbi sulle reali fattezze del misterioso dispositivo. Sarà un modello ancora più “Mini”? O magari un nuovo concept sotto il marchio di Nest? Alcune voci lo danno addirittura come possible indiziato per il profilo del controller Stadia con Assistant integrato.

Con così poche informazioni in merito è sempre difficile fare ipotesi, ma è certo che il profilo cozza un po’ con i dispositivi Home attuali, e non si può mai escludere una sorpresa da parte di Google. La scadenza del “patto di riservatezza” con la FCC è fissata per il 27 novembre 2019, quindi nel giro di 6 mesi al massimo il nostro dubbio dovrebbe esser risolto. Avete ipotesi? Condividetele pure qui sotto.

Via: AndroidPolice