Google ha risparmiato 3,4 miliardi di euro di tasse con il “panino olandese”

Cosimo Alfredo Pina -

Un risparmio da ben 3,45 miliardi di euro nel 2015 di Google e non per particolari tagli. Questo è il dato riportato da un’indagine effettuata dall’autorità olandese e ripresa da Bloomberg. Il colosso di Mountain View sarebbe riuscito a spostare 14,9 miliardi di euro in una società di facciata alle Bermuda, aggirando miliardi di tasse in tutto il mondo.

Secondo il rapporto, il meccanismo adottato nel 2015 è lo stesso utilizzato da Google dal 2004, ossia quello del “Double Irish” and a “Dutch sandwich”, un panino olandese con doppia irlandese, ovvero un complicato sistema di scambio di denaro che fa rimbalzare le entrate tra Irlanda ed Olanda fino a farle arrivare alle Bermuda, o un altro paradiso fiscale.

Una strategia nota ma che nel 2015 avrebbe preso dimensioni notevoli. I movimenti di Google lontano dalle varie autorità fiscali sarebbero cresciuti del 40% su base annua.

LEGGI ANCHE: Google risponde alle accuse di concorrenza sleale dell’UE

Anche la U.S. Securities and Exchange Commission indica per BigG una riduzione di tasse del 6,4% al di fuori degli Stati Uniti. Un portavoce ha specificato, in risposta a quanto portato alla luce dalla Camera di Commercio olandese, che “Google adempie con le leggi sulle tasse di ogni nazione in cui opera”.

L’Irlanda ha sistemato l’anno scorso il vuoto legislativo che permetteva alle multinazionali di aggirare le tasse con il meccanismo della doppia irlandese; le aziende che lo usavano, Google inclusa, potranno continuare ad usarlo fino al 2020.

Nel frattempo l’autorità europea e molte nazioni singolarmente stanno facendo da tempo pressione sui big della tecnologia sulla questione tasse, con anche qualche maxi multa, mentre negli USA il neo-presidente Trump potrebbe proporre alle aziende del tech un rimpatrio totale delle ricchezze, pagando il 10% una tantum.

Fonte: Bloomberg