Google Home non sarà un dispositivo Android, ma un Chromecast potenziato

Google Home non sarà un dispositivo Android, ma un Chromecast potenziato
Cosimo Alfredo Pina
Cosimo Alfredo Pina

Tra le novità più interessanti arrivate durante il Google I/O 2016 c'è stato senz'altro Google Home un piccolo speaker dal cuore decisamente smart, capace di fungere da assistente tuttofare e con cui l'utente può "conversare" per ricevere informazioni e controllare i dispositivi di casa.

Ma cosa si cela dietro a tutte queste funzioni (trovate tutti i dettagli sull'articolo dell'ufficialità)? A quanto pare non Android. A rivelarlo è un'indagine di The Information che, grazie a delle indiscrezioni, indica come Google Home sarà basato su tecnologia Chromecast.

LEGGI ANCHE: Google Home è lo speaker che rende smart la vostra casa e ancor più la vostra vita

Lo speaker di Google in stile Amamzon Echo sarà quindi un Chromecast con microfono ed altoparlante che funga da tramite, capace di connettersi a Google Now per trasmettere i nostri comandi e rispondere in maniera "naturale". Niente app per Google Home, ed in effetti la scelta ha senso.

Android offre più potenza di calcolo in locale e questo non è quello di cui Google Home ha bisogno; quello che gli servirà per certo è una connessione ad internet costante. A questo punto non resta che rimanere in attesa di maggiori dettagli ufficiali, soprattutto su prezzo e data di commercializzazione, fissata per un vago fine anno.

Mostra i commenti