Google Maps: arrivano le mappe immersive 3D create dalla fusione di miliardi di immagini

Google Maps: arrivano le mappe immersive 3D create dalla fusione di miliardi di immagini
Lorenzo Delli
Lorenzo Delli

Sul palco del Google I/O 2022 c'è anche Google Maps, il servizio di navigazione più usato al mondo. Un vero e proprio ecosistema sempre più in espansione, e le novità pre-annunciate stasera sono alquanto gustose.

La più eclatante riguarda l'introduzione della nuova Visuale Immersiva, una modalità di utilizzo che permetterà di distinguere chiaramente sullo schermo del dispositivo in utilizzo (che sia uno smartphone o un PC) la location su cui ci stiamo informando in tre dimensioni.

E quando diciamo chiaramente intendiamo quasi come se fossimo lì, senza scomodare il classico Street View però. In sostanza su Google Maps vedremo una riproduzione tridimensionale delle città, con tutti i dettagli del caso (non solo monumenti). Il risultato finale, a detta di Google, è stato reso possibile sfruttando un mix di computer vision (sfruttare immagini 2D per ricreare modelli 3D) e intelligenza artificiale. Per arrivare a quello che vedremo su schermo sono state fuse miliardi di immagini aeree e satellitari con i dati di Street View, ricreando appunto un modello tridimensionale delle città.

Come ogni novità che riguarda Google Maps anche questa arriverà gradualmente sugli schermi degli utenti. Le prime città che vanteranno questa modalità immersiva saranno Los Angeles, Londra, New York, San Francisco e Tokyo, già entro la fine del 2022. Moltre altre città saranno incluse via via.

 Un dettaglio di come apparirà la Visuale Immersiva di Londra su Google Maps.

Un dettaglio di come apparirà la Visuale Immersiva di Londra su Google Maps.

La visuale immersiva non è l'unica novità in arrivo sui Maps. Recentemente Google aveva lanciato in Canada e negli Stati Uniti una modalità per la creazione di percorsi eco-friendly, pensata quindi per far risparmiare benzina (e soldi) e di conseguenza anche inquinare meno. Sin dal suo lancio, sono state navigate 86 miliardi di miglia sfruttando questa modalità, con un risparmio calcolato di qualcosa come mezzo milione di tonnellate di emissioni di carbonio.

Finalmente Google si prepara ad espandere tale funzionalità, includendo anche l'Europa. Non sappiamo quale nazione riceverà per prima i nuovi percorsi eco-friendly, ma vi terremo sicuramente aggiornati a riguardo. Ci sono poi novità anche per quanto riguarda Live View, la modalità in realtà aumentata che permette di orientarsi al meglio durante le navigazioni apiedi. Google renderà disponibile agli sviluppatori la tecnologia che si nasconde dietro a Live View, rilasciando le API ARCore Geospatial. Prossimamente quindi la vedremo integrata in tante altre app. Ci sono già realtà che la stanno sfruttando, come Lime, una società di sharing di veicoli elettrici, che la utilizza per aiutare i suoi utenti a trovare e-scooter e bici elettriche.

Mostra i commenti