Guardate l’algoritmo di Google rendere del tutto inutili i watermark (foto e video)

Cosimo Alfredo Pina

L’unico limite dei software basati su machine learning e reti neurali sembra essere solo quello dalla fantasia. L’ultima applicazione di queste tecnologie ci arriva direttamente dai laboratori di ricerca Google dove è stato sviluppato un algoritmo in grado di rimuovere i watermark, i loghi in sovrimpressione delle immagini protette, senza intaccare la qualità dell’immagine.

Il sistema è infatti in grado, dopo aver analizzato qualche centinaio di immagini con un certo watermark, di identificarlo e quindi andare a separarlo dall’immagine vera e propria. Un potenziale problema di non poco conto per i creatori di contenuti grafici (foto, immagini, render…) e per i siti di immagini stock, ma a quanto pare facilmente risolvibile.

Infatti i ricercatori spiegano che distorcendo leggermente ma in maniera casuale il watermark, l’algoritmo non è più in grado di dargli un’entità definita e quindi rimuoverlo del tutto dall’immagine. Un’applicazione davvero interessante che potrebbe essere la base su cui sviluppare nuove funzioni di fotoritocco avanzato.

Via: androidpolice.comFonte: Google