“Hey Google, come mi rubano la password”: le reti di sicurezza di Assistant ed Alexa non sono affidabilissime (video)

Vincenzo Ronca

Gli smart speaker stanno diventando oggetti sempre più presenti nel nostro quotidiano e nelle nostre case e questo, oltre ad apportare notevoli comodità, potrebbe aprire le porte ad eventuali malintenzionati.

Un team di sicurezza informatica tedesco ha deciso di saggiare le reti di sicurezza implementate da Google ed Amazon per i loro rispettivi assistenti vocali, Assistant ed Alexa. A tal proposito hanno creato un’app per Google Assistant con scopi poco nobili consistenti nel furto di informazioni sensibili, come ad esempio i dati personali dell’utente.

LEGGI ANCHE: le migliori novità Netflix di novembre

Il video che potete vedere attraverso il player in fondo a questo articolo mostra come l’app creata ad hoc per Google Assistant abbia passato le maglie della rete di sicurezza di Google e provi ad estrapolare direttamente dall’utente la password dell’account Google: ci riesce andando in esecuzione autonomamente, senza il consenso dell’utente, e chiedendo la password dell’account Google simulando un imminente aggiornamento di sistema ed imitando la voce di Google Assistant. Chiaramente, Google Assistant non vi chiederà mai la password del vostro account attraverso lo speaker.

Per evitare situazioni simili con app davvero create da malintenzionati, prima che Google ed Amazon implementino ulteriori misure di sicurezza, vi suggeriamo di installare per i vostro assistenti solo app attentamente verificate. Per maggiori dettagli sulla ricerca appena descritta vi rimandiamo al report originale di ArsTechnica.

Via: 9to5Google