Hisense U9e è la prima TV al mondo dotata di 2 pannelli LCD (ma c’è il barbatrucco) (foto)

Edoardo Carlo Ceretti La trovata consente di aumentare fino a 10 volte il livello di contrasto di un normale pannello LCD, avvicinandolo alla qualità garantita dagli OLED.

Hisense ricopre da tempo una posizione di spicco nel mercato mondiale delle TV, in termini di unità spedite e fatturato. Lo stesso però non si può dire per la sua capacità di guidare l’innovazione del settore, ma anche in questo campo le ambizioni del produttore cinese vogliono impennarsi. Ed ecco dunque Hisense U9e, la prima TV al mondo definita Dual-Image. Ma cosa significa?

Non ci troviamo di fronte ad una TV che vanta due display distinti o altre diavolerie simili, bensì ad una trovata che – qualora funzionasse a dovere – potrebbe davvero rappresentare una svolta per il settore. Hisense ha infatti pensato di sovrapporre 2 pannelli LCD distinti, uno tradizionale a colori e uno in bianco e nero, al fine di aumentare fino a 10 volte il contrasto di un normale pannello LCD.

LEGGI ANCHE: Le migliori offerte dell’Amazon Prime Day 2019

Ciò consentirebbe di avvicinare la qualità visiva dei display LCD a quella degli OLED, con il vantaggio di un grande contenimento dei costi di produzione, che si rispecchieranno poi nel listino finale. La tecnologia è chiamata BD Cell ed è realizzata in collaborazione tra Hisense e il produttore di display BOE. Oltre ad un eccellente contrasto, questo doppio pannello LCD garantirebbe anche un’eccellente luminosità di picco, fedeltà cromatica e certificazione HDR.

Questa nuova tecnologia dovrà però essere affinata nel tempo, per consentirle di sostenere una grande produzione di massa, visto che nel 2019 Hisense riuscirà a rendere disponibile soltanto il modello da 65 pollici, al prezzo di 17.999 yuan (circa 2.300€), ben superiore a quello di una tradizionale TV LCD da 65 pollici. A partire dal 2020, usciranno anche i modelli da 55 e 75 pollici, a prezzi ancora sconosciuti.

Via: GizmochinaFonte: Weibo
  • Ade

    solo una domanda: perché?