Huawei avrà il suo anti-Google Maps: servizio attivo già da ottobre?

Cosimo Alfredo Pina -

Ogni grande big della tecnologia ha il suo servizio di mappe. Ci sono Apple Mappe, Google Maps, Bing Mappe e presto si unirà anche Huawei. Dopo il grande annuncio di HarmonyOS, il sistema operativo multi piattaforma, continua la scia di annunci con Map Kit.

Questo sarà un servizio non direttamente indirizzato agli utenti finali, ma un qualcosa che permetterà agli sviluppatori di integrare un servizio di mappe alternativo, made in Huawei. Disponibile dal prossimo ottobre sarà basato sulle mappe di YandexBooking Holdings.

Grazie a queste collaborazioni Map Kit sarà in grado di coprire 150 nazioni, supportando fino a 40 lingue. Tra le cose più interessanti che caratterizzeranno il tutto ci sono informazioni sul traffico, mappatura AR (in stile Google Street View) e tracciamento preciso della posizione; si parla addirittura di una tecnologia in grado di capire se un’auto cambia corsia.

Un pezzo aggiuntivo del pacchetto per dev che includerà anche pubblicità, analytics e molto altro. Ovviamente il fine è quello di rendersi indipendenti dai colossi USA, in vista del ban che renderà sempre più difficile per Huawei usare Google Maps e simili sui propri dispositivi.

Via: gizmochina.comFonte: chinadaily.com.cn
  • Apocalypse

    Bravi, bene cosí! Altro che globalizzazione (in cui fanno accordi solo i poteri forti), ci vuole sempre e solo della sana competizione!

    • carlo

      huawei non è alcatel è essa stessa uno dei “poteri forti” anzi è uno dei principali “poteri forti” dietro alla telefonia cellulare mondiale visto che produce e vende tra le altre cose a basso costo le antenne per il 5G… tra parentesi le mappe di yandex almeno per l’italia sono vecchie… speriamo che l’infusione di denaro dovuta all’accordo con huawei porti a migliorare il servizio.

      • Apocalypse

        Infatti… Huawei é un potere forte, anche di natura governativa. É giusto che questi poteri forti si facciano concorrenza fra di loro, anziché fare accordi/cartelli a scapito del consumatore. Come vedete non é necessaria la globalizzazione per consentire al consumatore di avere piú scelta. Questa guerra economica tra Cina e USA é utile perché obbliga grandi aziende a sviluppare e progredire, anziché adagiarsi sugli allori.

        • ILCONDOTTIERO

          Mi trovi pienamente d’accordo . Sicuramente è un bene la situazione attuale .