IBM rivela il chip che potrebbe raddoppiare le performance di ogni dispositivo

Un ambizioso progetto di IBM punta a rendere realtà il processo a 7 nm, con cui sarà possibile creare dispositivi più potenti, compatti ed energeticamente efficienti
IBM rivela il chip che potrebbe raddoppiare le performance di ogni dispositivo
CosimoAlfredo Pina
CosimoAlfredo Pina

L'annuncio di IBM di ieri ha svelato il proprio ambizioso progetto, che ha portato alla realizzazione di chip particolarmente avanzati, capaci di offrire, rispetto ai sistemi attualmente diffusi, il doppio delle performance e la metà dei consumi energetici, a parità di ingombro.

La tecnologia dietro a questi chip è basata su un'architettura a 7 nm e utilizza un processo produttivo concettualmente simile a quello oggi adottato ma che si avvale di un processo d'incisione fotolitografica con luce ultravioletta ad alta energia, e quindi a ridotta lunghezza d'onda, su una lega di silicio-germanio.

LEGGI ANCHE: I nuovi chip di IBM raggiungono 100 GB/s con silicio e fotonica

Sviluppato in collaborazione con altre aziende tra cui anche Samsung, il progetto fa parte di un piano quinquennale che prevede tre miliardi di dollari di investimento. Al momento il tutto è in fase sperimentale e non è ancora chiaro se e quando il processo produttivo di IBM per questi chip a 7 nm sarà avviato. Per il momento il traguardo più tangibile è quello dei 10 nm, fissato per il 2016.

Tuttavia le prospettive di una tecnologia simile sono davvero notevoli e vanno dai comuni dispositivi, tra cui senz'altro smartphone e smartwatch, sempre più potenti ed efficienti a sistemi estremamente miniaturizzati ed integrabili, come ad esempio delle futuristiche lenti a contatto smart.

Via: CNET

Commenta