iFixit smonta il DJI Mavic Air 2: primo della classe anche in riparabilità? (video)

Giovanni Bortolan

Circa un mese fa DJI ha annunciato l’arrivo sul mercato del nuovo Mavic Air 2, candidato ad essere uno dei migliori droni consumer in quella fascia di prezzo (ve ne abbiamo parlato qui), Quest’oggi invece abbiamo modo di poter guardare direttamente all’interno del prodotto grazie al team di iFixit, per capire pregi e difetti del gioiello di DJI.

Il teardown inizia rimuovendo eliche e batteria, per poi procedere con il vero e proprio disassemblaggio di tutta la scocca principale, ad iniziare dal pannello posteriore e dal gimbal+fotocamera. Una volta smontata anche la scheda madre, incaricata di gestire ed elaborare tutta la sensoristica presente a bordo del dispositivo, viene fatto notare come il sistema di raffreddamento sia piuttosto generoso (in particolare la quantità di pasta termica utilizzata).

LEGGI ANCHE: Il mercato europeo dei droni cresce spinto dal virus: entro 4 anni il 30% delle merci in consegna aerea

Dal punto di vista di una mera questione di comodità, il DJI Mavic Air 2 non è propriamente il primo della classe. Sono infatti presenti numerose viti nascoste da pannelli o scocche; i motori inoltre sono saldati, rendendo la loro eventuale sostituzione praticamente impossibile se non si è dotati di un saldatore. Per questi motivi e altri che potete constatare direttamente nel video, il nuovo prodotto dell’azienda si aggiudica una piena sufficienza.