Il mercato rialzista delle criptovalute nel 2021 ha reso i criminali molto più ricchi

Il mercato rialzista delle criptovalute nel 2021 ha reso i criminali molto più ricchi
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Secondo un recente rapporto di "Chainalysis", circa 11 miliardi di dollari in criptovalute appartengono ancora a portafogli di proprietà di "attori illeciti". Inoltre, è stato notato che queste risorse potrebbero essere riconducibili a servizi criminali come i mercati darknet. Un dato certamente non inaspettato visto che tra il 2020 ed il 2021 questi portafogli hanno subito una spinta piuttosto forte, con una differenza addirittura di circa 8 miliardi di dollari. La crescita più importante si è registrata nei fondi rubati (circa 9,3 miliardi di dollari sugli oltre 11 in totale).

Chainalysis, inoltre, ha osservato che gli operatori di darknet sono quelli che tendevano a trattenere maggiormente i propri guadagni illeciti, mentre i fondi rubati venivano liquidati nella maniera più veloce possibile. Questo dato sicuramente è frutto della crescente pressione della Polizia sui criminali. Basti pensare, infatti, che questi fondi vengono detenuti in media soltanto per 65 giorni (-75% rispetto al passato).

Per tutto il 2021, del resto, le forze dell'ordine hanno sequestrato fondi che sarebbero stati collegati a gruppi di ransomware. E a soli due mesi dall'inizio del 2022, le autorità fiscali britanniche hanno sequestrato alcuni NFT e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha messo le mani su 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin che sono stati rubati durante l'hacking di Bitfinex.

Via: TheVerge
Mostra i commenti