Ecosistema Galaxy: il segreto del successo di Samsung

Ecosistema Galaxy: il segreto del successo di Samsung
 Redazione
Redazione

In collaborazione con Samsung

In natura, un ecosistema è una sorta di unità funzionale formata da esseri viventi e non, in un'area delimitata. Cosa c'entra tutto questo con la tecnologia? Moltissimo. Pensate ad una serie di dispositivi diversi che non dialogano tra loro, che non interagiscono se non in minima parte, che non "si aiutano". E ora pensate invece a device diversi, anche molto diversi per dimensione, forma e finalità, che in qualche modo si integrano l'un l'altro, che espandono le proprie capacità a vicenda e permettono nuove funzionalità altrimenti impossibili con prodotti di terze parti. Questo è l'ecosistema Samsung, probabilmente il più grande punto di forza del produttore coreano rispetto alla concorrenza.

Dai dispositivi mobili agli elettrodomestici: il marchio Samsung è ovunque

Guardando al mercato dell'elettronica di consumo in generale infatti, nessun'altra azienda è così poliedrica come Samsung. Smartphone, smartwatch, tablet e TV, ma anche notebook, Chromebook, monitor, e auricolari, fino a frigoriferi, lavatrici, forni ed altri elettrodomestici. Praticamente tutta la tecnologia della vostra vita può essere a marchio Samsung, e non esiste un altro produttore del quale si possa dire altrettanto. 

Samsung è ben consapevole di questo suo vantaggio, e per renderlo ancora più marcato, per delinare meglio il proprio "ecosistema", ha sviluppato una serie di accorgimenti software, che fanno sì che dispositivi così diversi possano dialogare tra loro. Il risultato è che, acquistando un nuovo dispositivo Samsung, vi sentirete subito a casa, avrete una curva di apprendimento più bassa, e potrete utilizzare tutti i vostri device in modo più intuitivo, semplice e funzionale.

Qualche esempio? Le notifiche sono distribuite tra più dispositivi, in modo che non importa quale avrete davanti in quel momento, potrete essere sempre al passo con le cose che più urgenti per il vostro lavoro e la vostra vita privata. Le foto dei vostri cari passano da un device all'altro, per averle sempre a portata di mano. Le informazioni sulla vostra salute personale, il monitoraggio dell'attività fisica, e la dieta da mantenere per rimanere in forma vengono raccolti e trasferiti ai dispositivi che meglio possono soddisfarle.

I dispositivi compatibili con SmartThings

Tutto ciò è possibile grazie al cloud di Samsung, potente e privato, al quale potrete accedere tramite un'unica app su tutti i dispositivi connessi: SmartThings. Si tratta di una piattaforma che racchiude sotto il suo ombrello i dispositivi mobili, e quelli di casa, dai grandi elettrodomestici alla TV, fino a sensori ed accesori che ne completino le funzionalità.

Potete controllare da remoto la temperatura di casa, lo stato della pulizia domestica, e le azioni programmate per ciascun dispositivo. Con uno sguardo all'app sul vostro smartphone Samsung Galaxy avrete sempre tutto sotto controllo, in tempo reale. E per semplificare ancor più l'interazione, c'è Bixby 2.0, l'assistente virtuale di Samsung con il quale potete dialogare anche senza conoscere i comandi precisi: grazie all'intelligenza artificiale, Bixby impara ad anticipare le vostre esigenze, apprendendo col tempo quello di cui avete bisogno. Ecco perché l'acquisto di un Samsung Galaxy spalanca in effetti le porte di un mondo molto più vasto, così vasto che nessun altro produttore può reggerne il passo.

Caso emblematico: Chromebook Go

Un esempio particolarmente "potente" della forza dell'ecosistema Samsung è dato dal nuovo Chromebook Go, un notebook con Chrome OS ideale per l'apprendimento e la modifica di semplici documenti office, oltre che per la multimedialità.

Tramite uno smartphone Samsung Galaxy e l'app PhoneHUB sul Chromebook, potrete sbloccarlo con un tocco (Smart Lock) e connetterlo all'hotspot del telefono (Instant Tethering), per navigare facilmente ovunque voi siate. E nel caso vi sia una Wi-Fi memorizzata sullo smartphone a portata di ricezione, il Chromebook Go può collegarvisi automaticamente tramite la funzione Wi-Fi Sync, senza che vi dobbiate ricordare la password.

Potete inoltre ricevere e rispondere agli SMS direttamente sul Chromebook e controllare la percentuale di carica ed il segnale di rete del telefono, e tutto senza prenderlo in mano. Ma non solo: grazie a nearby share è facilissimo condividere foto, video e qualsiasi file vogliate tra il Chromebook Go ed uno smartphone Samsung Galaxy, in modo da continuare a lavorare o divertirvi sia in mobilità che non. E se aveste bisogno di accedere alle ultime schede di Chrome aperte sullo smartphone, potrete farlo senza tirarlo fuori dalla tasca, direttamente dal Chromebook Go.

Due dispositivi molto diversi, per forma, dimensione, ed utilizzo, che però dialogano assieme e si completano a vicenda: una volta che entri nell'ecosistema, è facile sentirsi a casa.

Mostra i commenti