Il visore a realtà mista di Apple potrebbe arrivare già dal 2022

Per Kuo supporterà anche il Wi-Fi 6E per una maggiore larghezza di banda e una bassa latenza
Il visore a realtà mista di Apple potrebbe arrivare già dal 2022
Federica Papagni
Federica Papagni

Ormai da tempo si parla del visore a realtà mista di Apple, e nuove informazioni sono ora giunte grazie a Ming-Chi Kuo e Mark Gurman, i quali rispettivamente affermano che questo dispositivo disporrà del supporto al Wi-Fi 6E e che potrebbe essere lanciato già l'anno prossimo. 

L'analista ha spiegato che uno dei maggiori problemi con le headset AR/VR al momento è il requisito per una connessione cablata a un computer. Per ovviare a tale problematica, e per offrire un'esperienza migliore, Apple avrebbe pensato al supporto al protocollo Wi-Fi 6/6E per una maggiore larghezza di banda e una bassa latenza.

Certamente questa non è una novità esclusiva, dal momento che tale tecnologia è già presente nel Oculus Quest di Facebook, che consente flussi fino a 120Hz rispetto a 90Hz o meno quando si utilizza Wi-Fi 5.

Per avere un'idea completa di quello che ci potremmo aspettare dal visore AR/VR della società di Cupertino, alcune indiscrezioni hanno rivelato che questo sarà un apparecchio estremamente premium con sensori avanzati, display 8K e chip super potenti. Lo stesso Gurman di Bloomberg ha dichiarato che sarà alquanto costoso con prezzi che potrebbero arrivare fino a 3.000$.

A proposito del noto giornalista, nella sua ultima newsletter Power On ha parlato proprio di questo dispositivo, affermando che potrebbe essere lanciato  già l'anno prossimo e argomenta anche sulla sua eventuale applicazione nel campo dei videogame. 

Sappiamo bene che i nuovi Mac seppur potenti e prestanti non rappresentano con il loro macOS la piattaforma ideale per giocare, nonostante Apple Arcade continui ad arricchirsi di nuovi titoli, ma ancora non è in grado di competere con altre aziende come Sony, Nintendo o Microsoft.

Gurman però afferma che questo visore avrà "capacità sia AR che VR" e ciò a cui Apple mira è "un'esperienza di realtà mista in grado di gestire i giochi in realtà virtuale di alta qualità". Di seguito vi riportiamo le sue stesse parole:

Il primo visore di Apple sarà della varietà di realtà mista. Ciò significa che avrà sia funzionalità AR che VR. Mentre i giochi possono essere eseguiti in entrambi gli ambienti, la realtà virtuale è ciò che desideri per giochi ad alte prestazioni con grafica di alto livello. Per il primo visore di Apple, ecco a cosa punta: un'esperienza di realtà mista in grado di gestire giochi in realtà virtuale di alta qualità con chip scattanti e display di fascia alta.

Già Tim Cook aveva mostrato il suo entusiasmo verso un futuro all'insegna della realtà aumenta, e l'ultima dichiarazione del giornalista avvalora tale emozione, dal momento che preventiva la comparsa tra qualche anno di un vero visore solo AR.

Via: 9to5Mac, (2)

Commenta