Prima che la carenza di chip finisca dovremo fare i conti con i componenti contraffatti

Dall'inizio della crisi del COVID-19 i produttori di dispositivi elettronici hanno subito la pressione di una domanda senza precedenti da parte dei consumatori.
Prima che la carenza di chip finisca dovremo fare i conti con i componenti contraffatti
Guido Zipo
Guido Zipo

Quasi tutti i prodotti che hanno avuto un'alta domanda negli ultimi mesi hanno inevitabilmente fornito un'opportunità per i truffatori che cercano di fare soldi facili con le contraffazioni. Con le aziende e gli individui che si affrettano ad acquistare PC, smartphone, tablet e console di gioco, i produttori si sono improvvisamente trovati ad aver bisogno di grandi quantità di semiconduttori - i minuscoli componenti che costituiscono il "cervello" della maggior parte dell'elettronica.

Ma la società di analisi Gartner stima che la carenza di semiconduttori durerà fino al 2022. Fortunatamente le granzi aziende sembrano al sicuro dato che in genere acquistano solo componenti direttamente dai produttori di chip.

Quelli a rischio includono piuttosto produttori a basso volume dato che tipicamente, queste piccole aziende usano i servizi di distributori terzi. Le aziende devono prestare particolare attenzione soprattutto quando hanno a che fare con distributori indipendenti, che comprano e vendono componenti sui mercati aperti online.

"Penso che siamo all'apice di un grosso problema. Le carenze mondiali hanno aperto la porta ai criminali per sfruttare il mercato dei componenti elettronici, e sto vedendo i primi segnali che questo ha già iniziato ad accadere", dice Steve Calabria, il fondatore del distributore indipendente PC Components.

Nel 2011 quando un terremoto e uno tsunami hanno colpito il Giappone, che è uno dei principali produttori di condensatori elettrolitici, i prodotti contraffatti si sono fatti strada nella catena di approvvigionamento in breve tempo. Un'indagine condotta dal Senate Armed Services Committee nel 2012 ha scoperto più di un milione di parti elettroniche contraffatte provenienti dalla Cina e utilizzate in apparecchiature progettate per l'Air Force, la Marina e per le Operazioni Speciali.

 "Sono particolarmente preoccupato per le industrie mediche e militari, e per qualsiasi attività legata alla sicurezza - anche quella automobilistica, in una certa misura", dice Michael Pecht, professore di ingegneria meccanica all'Università del Maryland

Per le aziende che cercano di acquistare semiconduttori nei prossimi mesi, quindi, sarà necessaria una forte dose di auditing, controlli incrociati e indagini. I tempi di consegna non si accorceranno presto - e dato che i contraffattori colgono l'occasione, la vigilanza sarà la chiave per evitare di cadere preda di venditori malintenzionati.

Via: ZDNet

Commenta