La casa smart è sempre più a portata di mano: ecco le novità di Google (foto)

Vincenzo Ronca

Da qualche anno ormai si è consolidato l’impegno di Google nel settore della domotica dove, oltre a sviluppare e vendere dispositivi smart, propone servizi basati su Google Assistant. Nelle ultime ore BigG ha presentato quattro importanti novità in questo senso.

Arriva Matter

La prima novità di rilievo presentata da Google nel settore della smart home consiste in Matter: si tratta di un nuovo protocollo che Google ha pensato e sviluppato per rendere ancora più semplice la configurazione e l’accesso alle funzionalità dei dispositivi domotici. Matter è pensato anche per rendere più semplice l’interazione dell’ecosistema Google e Android con i dispositivi smart di altri produttori. L’obiettivo è rendere Matter un vero e proprio standard, con annessa certificazione per i dispositivi smart compatibili.

I dispositivi certificati Matter saranno accessibili tramite Assistant, l’app Google Home e i controlli Android attraverso le API dedicate. Tra questi dispositivi troveremo sicuramente i Nest che Google commercializza anche nel nostro paese. Trovate maggiori informazioni su Matter a questo indirizzo.

Un posto dove trovare tutti i dispositivi smart compatibili con l’ecosistema Google

La seconda novità consiste in una nuova sezione del sito ufficiale Google in cui vengono raccolti tutti i dettagli e le informazioni per acquistare i prodotti compatibili con l’ecosistema Google. Tra i prodotti presenti troviamo quelli di Philips Hue, Nanoleaf, Samsung, LG, Dyson, Netatmo, Wyze e altri. Questa è la pagina dedicata.

Adozione del protocollo WebRTC

La terza novità presentata da Google consiste nell’adozione ufficiale per i dispositivi smart connessi all’account Google del protocollo WebRTC, un protocollo di comunicazione open source che riduce la latenza per una migliore esperienza di streaming audio e video live tra telecamere di sicurezza, campanelli video, display intelligenti e dispositivi mobili.

Già diversi partner si sono attivati per implementare il nuovo protocollo con Assistant sui propri dispositivi. Tra questi troviamo Arlo, Logitech, Netatmo e Wyze.

Novità in vista per le routine

Infine, Google ha annunciato di essere a lavoro per migliorare in modo rilevante l’uso delle routine dedicate alla casa smart. Questo significa che le routine diventeranno sempre più intelligenti e in grado di adattarsi alle abitudini degli utenti in casa. Ci aspettiamo maggiori novità nel prossimo futuro.

Fonte: Google
  • Okazuma

    Spero che Matter diventi davvero uno standard.
    Poter finalmente avere dispositivi che dialogano senza problemi con tutte le principali piattaforme sarebbe un enorme passo avanti