La "melma magnetica robot" che potrebbe aiutare a recuperare gli oggetti inghiottiti

La "melma magnetica robot" che potrebbe aiutare a recuperare gli oggetti inghiottiti
Antonio Lepore
Antonio Lepore

Secondo "The Guardian", i ricercatori stanno sviluppando un "robot" di melma magnetica in grado di assumere forme diverse allo scopo di afferrare gli oggetti. Ad esempio, può circondare un gruppo di pallini oppure allungarsi in più direzioni per catturare contemporaneamente più oggetti.

La melma è composta da una miscela di alcol polivinilico, borace e particelle di magnete al neodimio. Il risultato è un fluido che si comporta come un liquido o un solido a seconda della forza. Oltre ad essere autorigenerante, il "robot" potrà essere controllato da magneti esterni.

I problemi, ovviamente, non mancano, a partire dalla difficoltà di inserire la robotica in un design così "morbido". Tra l'altro, gli scienziati si stanno sforzando anche per individuare una soluzione per impedire la fuoriuscita delle particelle tossiche di neodimio.

In ogni caso, se la tecnologia dovesse risultare sicura ed efficace, potrebbe essere utilizzata in vari ambiti, tra cui quello medico. La "melma", ad esempio, potrebbe recuperare gli oggetti ingeriti e finiti in zone particolarmente complesse da raggiungere.

Via: EnGadget
Fonte: TheGuardian
Mostra i commenti