La realtà aumentata con le lenti a contatto: no, non è fantascienza grazie a Mojo Vision (foto)

Vincenzo Ronca

In un mondo della tecnologia molto concentrato sul settore degli smartphone e degli indossabili c’è spazio anche per particolari dispositivi che sembrano appena usciti da film di fantascienza: Mojo Vision sta sviluppando infatti le sue lenti a contatto in grado di offrire un’esperienza in realtà aumentata.

Le lenti a contatto che offrono l’esperienza in realtà aumentata sono per certi versi un’evoluzione indossabile degli smart glasses. Mojo Vision sta sviluppando e testando le sue lenti che, una volta indossate dall’utente, offrono un’esperienza in realtà aumentata: questa si baserà su un sensore microLED e proporrà diversi tipi di informazione all’utente, come punteggi di competizioni sportivi, dati sanitari in tempo reale e le notifiche provenienti dallo smartphone.

LEGGI ANCHE: SmartWorld diventa un podcast

Tecnicamente, Mojo Vision prevede di integrare nella lente una piccola batteria, un modulo per la connettività a 5 GHz e chiaramente il processore. La modalità di utilizzo prevederebbe l’uso durante tutta la giornata, data l’estrema indossabilità, per poi rimuoverle durante le ore notturne in modo da ricaricare la batteria e disinfettare la lente.

I piani di Mojo Vision non si fermano soltanto alla realtà aumentata ma coinvolgono anche il lato medico: l’azienda punta a sviluppare delle lenti smart in grado di supportare chi soffre di patologie alla vista. Non si può dire che le manchino i mezzi: infatti Mojo Vision annovera nel team figure che hanno avuto esperienza in Google, Apple, Microsoft, Amazon e Motorola, ma anche in settori sanitari come Johnson & Johnson, Philips Healthcare e Zeiss Ophthalmology. Attualmente l’azienda ha raccolto ben 108 milioni di dollari in finanziamenti.

Via: 9to5GoogleFonte: Cnet