La realtà aumentata passa per il vostro smartphone e questi occhiali Epson (foto)

Matteo Bottin

I più anziani saggi di voi si ricorderanno Moverio BT-100, gli occhiali per la realtà aumentata targati Epson lanciati nel 2011. A questi sono seguiti i Moverio BT-200 nel 2014 e, ora, i nuovi Moverio BT-30C. Anche questa volta non si tratta di occhiali stand-alone (come i Google Glass), ma è necessario collegarli (fisicamente) ad un “controllore” esterno per funzionare. Questa volta, però, a controllarli sarà il vostro smartphone.

Non pensiate di poterli paragonare a HoloLens o Leap One: l’utilizzo è molto limitato. In pratica è possibile soltanto fissare delle schermate a mezz’aria e controllarle con lo smartphone. In più, non sono fatti per essere usati tutto il giorno: pesano ben 95 g (oltre al fatto che sono particolarmente grossi).

All’interno delle sue limitazioni, però, funziona molto bene: chi lo ha provato ha testimoniato una ottima resa visiva e una buona comodità (anche se il campo visivo è di appena 23°).

È possibile fissare fino a 3 app su 3 schermi diversi e scorrere tra essi semplicemente ruotando la testa. Insomma, è possibile magari fissare un documento su uno schermo, il browser su un altro e Netflix sull’ultimo.

LEGGI ANCHE: A tutti gli allenatori di Pokémon: arriverà un nuovo gioco per smartphone

Ovviamente stiamo parlando di un prodotto che punta al mercato business (tanto che pure Epson lo ammette), ed anche il prezzo lo conferma: 499$, con spedizione a giugno. In ogni caso, anche se doveste decidere di non comprarli, potreste incontrarli sulla vostra strada: Epson ha già venduto degli occhiali a dei cinema per la visione dei sottotitoli e alcuni musei stanno pensando di adottarli per delle visite guidate.

Via: The Verge