L’acquisizione di Arm da parte di NVIDIA inizia a preoccupare gli altri colossi del tech

Filippo Morgante

NVIDIA ha iniziato ufficialmente il processo di acquisizione di Arm Ltd nel settembre 2020, ad un prezzo stimato in 40 miliardi di dollari. Ora però, alcune aziende tecnologiche si sono lamentate con i regolatori antitrust degli Stati Uniti per quanto riguarda questa mossa. Tra queste aziende, le principali sarebbero Microsoft, Google e Qualcomm, una delle quali starebbe esplicitamente chiedendo che l’accordo venga annullato.

LEGGI ANCHE: Microsoft rilascia un aggiornamento d’emergenza per risolvere un bug che manda in crash Windows 10

La preoccupazione dei giganti del tech è quella che l’acquisto di Arm da parte di NVIDIA danneggi la concorrenza. Arm concede infatti in licenza i suoi progetti di chip e software a diverse grandi aziende tecnologiche, tra cui Apple, Intel, Samsung Electronics, Amazon e molte altre. Lavorando con molte aziende concorrenti tra loro, Arm è sempre stata neutrale, ma ora si teme che NVIDIA possa limitare l’accesso ai chip per le aziende rivali.

NVIDIA sostiene che non ci sarebbe alcun incentivo a cambiare la neutralità di Arm. L’azienda, sottolineando il prezzo di acquisto, dichiara che non ci sarebbe alcun motivo valido per cambiare ciò che già sta funzionando, ma le aziende rivali e molte persone non credono che sia così. Ci aspettiamo ulteriori dettagli a riguardo nelle prossime settimane.

Via: windowscentral
  • Ciaoiphone4

    Ricordo che Apple ha le licenze a vita gratuite di ARM, perchè aveva una quota di maggioranza qualche anno fa, e poi con le vendita si accordò cosÌ; anche in caso di cessioni, tale rapporto non sarebbe mai mutato…