L’ultima beta di macOS Catalina introduce una nuova funzione per la salvaguardia delle batterie (aggiornato: disponibile)

Giovanni Bortolan - Una cosa simile accade già su iPhone.

Apple ha rilasciato la seconda beta developer per macOS Catalina 10.15.5 che include, tra le altre cose, un particolare rinnovamento della gestione della ricarica. Denominata Battery Health Management, la funzione servirà a ridurre il deterioramento delle batterie sul lungo periodo.

L’obiettivo, come spiega Jason Snell, è quello di ridurre l’invecchiamento dei componenti chimici all’interno delle batterie, senza inficiare la durata effettiva di una carica. Un esempio di come questa nuova funzione andrà ad agire è questo: in un contesto in cui il Macbook sta perennemente attaccato alla corrente, Battery Health Management limiterà la percentuale massima di ricarica, mantenendo sotto controllo anche la temperatura e i ritmi di ricarica abituali.

LEGGI ANCHE: Il nuovo iPhone SE è disponibile per il pre-ordine, anche su Amazon

Al momento la nuova implementazione richiede non solo l’ultima beta, ma è anche limitata alla ricarica tramithe porta Thunderbolt 3. Come al solito Apple punta molto sulla privacy, e ha già puntualizzato che tutti i dati diagnostici relativi alla batteria vengono conservati solo all’interno della macchina; per condividerli con il produttore l’applicazione chiederà il consenso all’utente.

Al momento la nuova beta è disponibile solamente per gli sviluppatori, ma non dovrebbe tardare ad arrivare anche per il pubblico.

Aggiornamento27/05/2020

Apple ha appena diramato ufficialmente l’aggiornamento macOS Catalina versione 10.15.5, che va a introdurre i miglioramenti di gestione della batteria sopra discussi. L’update può essere scaricato gratuitamente attraverso l’App Store o mediante la scheda relativa all’interno delle impostazioni di sistema.

Fonte: 9to5mac, macrumors