Magic Leap One Creator Edition: visore AR con Tegra X2 e look da fantascienza! (foto e video)

Cosimo Alfredo Pina -

Sono anni che Magic Leap, specializzata in esperienze di realtà aumentata, stuzzica la curiosità di nerd ed appassionati di tecnologia con video ed anticipazione. Bene, adesso l’azienda fa un suo primo vero passo verso il mercato consumer con il lancio del già annunciato Magic Leap One Creator Edition.

In verità non si tratta di qualcosa pensato per entrare nelle case degli utenti, ma per ora una base su cui creare (appunto Creator Edition) il futuro della realtà aumentata. Cosa è quindi il Magic Leap One Creator Edition?

Si tratta di un visore AR caratterizzato da due unità: quella da indossare sulla testa e quella che contiene l’hardware che fornisce la potenza di calcolo, che sta in una piccola unità circolare che può essere agganciata alla cinta. A tal proposito a bordo del Magic Leap One c’è un SoC NVIDIA Tegra X2 affiancato da 8 GB di RAM e 128 GB di spazio.

La parte del visore è a metà tra un paio di occhiali ed un visore VR; avvolge la testa come una fascia ma è sicuramente più compatto delle soluzioni già in commercio. Il tutto gestito da un sistema operativo proprietario basato su Linux, con interfaccia tridimensionale e con cui l’utente può interagire sia con gesture della mano sia con un apposito controller senza fili.

LEGGI ANCHE: Migliori giochi PS4

Il prezzo di lancio di questo dev kit già molto rifinito è di 2.295$ e per il momento si parla solo di commercializzazione negli USA. I colleghi di The Verge hanno avuto modo di provarlo e lo hanno giudicato come molto promettente, considerando che è la prima versione.

In particolare hanno apprezzato il fattore ergonomia, mentre non se la sono sentita di definire questo prodotto una rivoluzione. Il campo visivo su cui viene proiettata la realtà aumentata è infatti di soli 50° e la qualità è ancora lontana dal concetto di realismo.

Del resto stiamo parlando del primo dispositivo dell’azienda, realtà che per lo sviluppo delle future versioni può contare su una forza lavoro di ben 1.500 persone e finanziamenti per 2,3 miliardi di dollari. La corsa alla realtà virtuale ed aumentata è tutt’altro che finita.

 

Via: The Verge, The Verge