MediaWorld apre il primo Tech Village a Milano: innovazione e tradizione si uniscono per rivoluzionare il retail (foto e video)

Giovanni Bortolan

MediaWorld ha scelto Milano come prima città in cui aprire il suo nuovo Tech Village (anch’esso il primo), un centro dedicato alle esperienze innovative a stretto contatto con i principali leader tecnologici internazionali. L’area, progettata dall’architetto Fabio Novembre, copre ben 11.000m2 e comprende 24 “botteghe” tecnologiche gestite dai major brand che completano lo spazio MediaWorld, aree per la formazione, per gli eventi e per l’intrattenimento. 

Il Tech Village, posizionato all’incrocio tra Viale Certosa e Viale Renato Serra e che impiega circa 150 persone, è parte integrante della nuova strategia evolutiva di MediaWorld, mirata al continuo investimento sul territorio nazionale con progetti innovativi e concept store all’avanguardia, contribuendo a stimolare il dinamismo nell’ambito retail. Non è caso infatti che aziende come AEG, Amazon, Apple, Bose, Dyson, Garmin, Haier, HP, Huawei, LG, Logitech, Moulinex, Nespresso, OPPO, Rowenta, Samsung, SKY, Sony, Vodafone e Xiaomi abbiano scelto proprio il MediaWorld Tech Village per evolvere la relazione con i propri clienti e sviluppare format e servizi inediti, che integrano all’esperienza di acquisto, test, simulazioni, anteprime, consulenze esclusive e formazione.

LEGGI ANCHE: Xiaomi sempre più presente in Italia: arriva il primo magazzino fisico e sconti su riparazioni fuori garanzia

All’interno di questo centro poliedrico ed innovativo lo spazio è stato organizzato per riprodurre in chiave contemporanea l’anima della classica piazza italiana, che presenta elementi come il porticato, le botteghe ed il mercato. Anche il design esterno si combina al nuovo concept, in perfetta armonia con le linee della città di Milano: seguendo il flusso delle due arterie principali, la facciata sintetizza il tema della digitalizzazione attraverso l’utilizzo di un rivestimento a effetto pixel nei colori del brand e accoglierà sull’angolo opposto un grande ledwall per parlare alla città.