Microsoft ha inventato tre bizzarri strumenti per realtà aumentata tattile (video)

Roberto Artigiani

Una delle divisioni sperimentali di Microsoft che si occupa di sviluppare progetti relativi alla realtà virtuale ha da poco annunciato di aver creato degli strumenti per interagire a livello tattile con la realtà aumentata.

Il primo si chiama “l’artiglio” (“The Claw”) e assomiglia a una sorta di pistola che può essere strizzata. Una volta impugnata permette di toccare gli oggetti virtuali trasmettendone la consistenza al tatto e, proprio come avviene nella realtà, offre resistenza per impedire che vengano attraversati. Grazie a dei sensori tattili e a un braccio motorizzato viene restituita la sensazione del tocco e la resistenza al contatto.

LEGGI ANCHE: La realtà aumentata applicata all’audio secondo Bose

Proprio questa sensazione tattile è centrale per il secondo strumento che si chiama “Haptic Links” e somiglia a un paio di maracas unite da un filo rigido. Si usa con due mani e permette di fare cose come sollevare una scatola o suonare il trombone. Sempre virtualmente, si intende. Il dispositivo riesce a generare una tensione tra le sue due estremità trasmettendo così la sensazione di resistenza di alcuni oggetti.

Infine il terzo e ultimo strumento è una specie di bastone per ciechi che funziona nel mondo della realtà aumentata esattamente come la sua controparte nel mondo reale. Se strusciato sul pavimento restituisce una vibrazione e se battuto emette anche il suono che farebbe dal vivo. Strumenti curiosi, ma che potrebbero diventare interessanti strumenti di accessibilità per non vedenti permettendo l’interazione con la realtà virtuale altrimenti preclusa.

Via: Engadget