Microsoft dice addio a Kinect: fine della produzione

Vezio Ceniccola

Microsoft Kinect non è stato un successo. Presentato nel 2009 e lanciato sul mercato l’anno successivo, il sistema di tracciamento del movimento non è mai stato in grado di convincere gli utenti della sua bontà, ed è per questo che l’azienda americana ha definitivamente deciso di abbandonarlo, mettendo fine alla produzione.

Una notizia che non arriva inaspettata, viste anche le vicende seguite al lancio di Xbox One. Inizialmente, infatti, Kinect era fornito in bundle con la nuova console, ma questo ha finito per far alzare il prezzo totale – più alto rispetto a PS4 – ed ha scatenato le critiche dei clienti. L’azienda di Redmont si è dunque vista costretta a ripensare la pacchettizzazione della sua console, eliminando il Kinect e riducendo il costo. Non una bella pubblicità per il dispositivo.

Lo scarso supporto delle software house e il lento, ma progressivo, allontanamento della stessa Microsoft dal suo prodotto hardware hanno poi fatto il resto. La società ha spostato le sue attenzioni su progetti ancora più innovativi, come HoloLens e Windows Mixed Reality, dunque non c’era più spazio per una tecnologia come Kinect.

LEGGI ANCHE: Xbox One è ora retrocompatibile con i giochi Xbox

Negli anni, Kinect si è dimostrata una piattaforma molto versatile, amata più dagli sviluppatori indipendenti e i maker che dai produttori di videogiochi. È un peccato che in pochi abbiano creduto nel progetto di Microsoft, ma la tecnologia, si sa, è una vera giungla e non è raro che anche le buone idee debbano essere cestinate – Google ne sa qualcosa.

Voi avete mai provato un Kinect? Ce l’avete ancora a casa, magari abbandonato a prendere polvere, o lo usate tuttora con soddisfazione? Fatecelo sapere nei commenti!

Via: GSMArenaFonte: Co.Design