Cos'è Microsoft Zune e perché potrebbe tornare

Microsoft Zune è stato un lettore MP3 lanciato sul mercato nel 2006 e che non ha retto il confronto con la gamma Apple. Qualcosa però potrebbe cambiare
Cos'è Microsoft Zune e perché potrebbe tornare
SmartWorld team
SmartWorld team

In Europa pochi lo conoscono, perché la commercializzazione sul mercato del Vecchio Continente è stata abbandonata prima ancora di iniziare a parlarne in modo concreto, eppure negli Stati Uniti il ricordo di Microsoft Zune vive ancora, e c'è anche chi parla di riportarlo in auge prevedendone un ritorno.

A lanciare l'idea è stato Hyperkin, produttore e distributore di periferiche per videogiochi che ha già firmato il revival dell'Xbox OG Duke, l'iconico controller per Xbox, primo della generazione. L'azienda losangelina ha sfruttato Twitter per rivolgersi direttamente a Xbox e domandare, quasi casualmente, "che ne pensi se rifacessimo Zune?". E la community si è scatenata, appoggiando l'idea e spingendo Hyperkin a replicare entusiasta: "Siamo estasiati nel vedere quanti di voi amavano Zune quanto noi, è stato un compagno inseparabile tra il 2008 e il 2012".

Che cos'è Microsoft Zune

Prima di analizzare i possibili scenari è necessario fare un passo indietro e spiegare che cosa è (è stato) Microsoft Zune, e qual è stata la sua parabola. Zune è stato un lettore multimediale, l'unico prodotto Microsoft inserito nella linea di dispositivi portatili, e ha debuttato nel novembre del 2006 come lettore MP3 che sfruttava un disco rigido da 30 GB in grado di riprodurre video e musica. Ai tempi del lancio era l'unico lettore in grado di scambiare dati con altri lettori sfruttando la connessione WiFi, ma il fatto che il lancio sia arrivato quando l'iPod era ormai punto fermo del mercato e l'iPhone stava per debuttare ha complicato non poco la sua storia.

Microsoft l'anno successivo ha apportato un serie di migliorie allo Zune, presentando nuovi modelli con memorie flash e nuove funzionalità tra cui la sincronizzazione con il pc, ma l'iPod continuava a dominare stabilmente il mercato. Da novembre a giugno 2007 Zune venne venuto in 1,2 milioni di unità, a maggio 2008 aveva a malapena raggiunto i 2 milioni, pari al 4% del mercato statunitense.

Tre anni dopo, nel 2011, Microsoft abbandonò il progetto senza espandersi in Europa, e nel 2015 vennero chiusi anche i servizi associati, tra cui il marketplace. Nel corso della sua esistenza furono però sette le versioni commercializzate, ognuna con capacità e funzionalità diverse: Zune 30, Zune 4, Zune 8, Zune 16, Zune 80, Zune 120 e infine Zune HD, quest'ultimo dotato di un display multitouch.

I nostalgici dei lettori MP3 oggi lo ricordano ancora con affetto per il design e le funzionalità, e la possibilità di riportarlo sul mercato non è poi così remota, quantomeno nell'ottica di rispolverare un dispositivo da molti considerato un cult, come dimostrano le reazioni al tweet di Hyperkin.

Elon Musk a Satya Nadella: "Ridateci Zune"

Microsoft Zune, inoltre, conta su un estimatore particolarmente influente: Elon Musk. Lo scorso giugno il fondatore di Tesla e SpaceX, nonché uomo più ricco del mondo, ha lanciato un appello a Satya Nadella, ceo di Microsoft, chiedendogli di "riportare indietro Zune" perché "è arrivato il momento".

Lo ha fatto sfruttando Twitter, con un cinguettio inviato in risposta a quello con cui Nadella presentava il sistema operativo Windows 11, nel giugno del 2021. Per adesso l'appello di Musk è rimasto inascoltato, ma chissà che l'endorsement di Hyperkin non riesca a cambiare la situazione.

La "seconda vita" dell'iPod Shuffle

Il ritorno agli anni '90 e 2000, d'altronde, sembra la tendenza del momento. Non solo nel mondo della moda, che alla fine del ventesimo secolo e agli albori del ventunesimo si è ispirata per riportare in auge parecchi trend, ma anche in quello del tech. È successo anche all'Ipod Shuffle, che negli ultimi tempi è tornato di moda non tanto per le sue capacità quanto per il design, e tutto grazie a Tik Tok.

Il video realizzato da Celeste Tice, username @freckenbats, ha infatti "sbloccato un ricordo" a un'intera generazione totalizzando oltre 3 milioni di visualizzazioni in poche settimane trasformando lo Shuffle in un accessorio per capelli. Nel video si vede Tice reggere tra le dita un iPod shuffle di seconda generazione silver e spiegare con tono dubbioso di "avere trovato questo vecchio iPod con una sorta di clip". Qualcuno sa cosa sia?, chiede la tiktoker, mostrandosi pochi istanti dopo con l'iPod sui capelli, sistemato come una molletta a fissare alcune ciocche: "Cosa ne pensate? Abbastanza vintage no?", chiede Tice. Da lì una valanga di commenti e reazioni.

Apple ha ritirato l'iPod shuffle dal mercato nel 2017, dopo l'uscita della quarta generazione (datata 2010). Quello di seconda generazione è riuscito però a diventare un cult. Il design innovativo, il case di alluminio disponibili nei colori argento, azzurro, rosso, verde e viola lo ha fatto diventare un accessorio di tendenza, e la richiesta ai tempi era stata talmente elevata da spingere Apple a rilasciarlo solo a partire dalla fine dell'ottobre del 2006, un mese dopo la presentazione ufficiale.

Mostra i commenti