Monopattini elettrici come biciclette: addio alle multe? (aggiornato)

Nicola Ligas - Un emendamento alla manovra economica 2020 vorrebbe equiparare i monopattini elettrici alle biciclette, a patto che rispettino certe regole

Si è parlato spesso di micromobilità urbana negli ultimi mesi, ed in particolare dei monopattini elettrici, sempre più in voga anche sul nostro mercato, e sempre più oggetto di contestazioni in seguito ad alcune maxi-multe.

Un emendamento alla legge di Bilancio 2020, presentato dal senatore Eugenio Comincini (Italia Viva), cerca quindi di fare chiarezza: i monopattini elettrici saranno equiparati alle biciclette, e non ai motorini (come successo nel caso della multa di cui sopra). Attenzione però, questo vale solo per i monopattini che rientrino nei limiti di potenza e velocità, ovvero non più di 500 Watt e se il mezzo fosse in grado di superare i 20 km/h dovrà anche avere un limitatore di velocità in modo da impedirgli di superare tale limite; inoltre, per poter essere utilizzato in aree pedonali, il monopattino dovrà comunque avere un limitatore che non lo faccia andare oltre i 6 km/h.

LEGGI ANCHE: Recensione Mi Electric Scooter Pro

Tutto bene quindi? Non proprio, perché la stessa normativa sui veicoli a pedali è in evoluzione, e ci sono anche delle contraddizioni rispetto ai monopattini (la potenza delle bici, ad esempio, arriva al massimo a 250 Watt), quindi non siamo ancora arrivati ad un punto fermo. Inoltre, nell’emendamento si parla solo di monopattini elettrici, lasciando fuori segway, hoverboard e compagnia, che non sono meno diffusi. Infine, se da una parte si parla di cosa fare nei confronti dei monopattini che rispettino i limiti, dall’altra non è chiaro come considerare quelli che non rientrino nei vincoli qui sopra, che potrebbero quindi essere equiparati ai ciclomotori, con conseguenti multe salate (fino a 6.000 euro) per i trasgressori.

Insomma, per quanto la strada sembri finalmente un po’ in discesa per gli amanti di questi mezzi, non è ancora il momento di usarli a piacimento, e considerando che siamo alle porte dell’inverno, forse sarà anche il clima ad evitare qualche sanzione indesiderata.

Aggiornamento02/01/2020

I monopattini elettrici ce l’hanno fatta. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, adesso sono equiparati ai velocipedi, con tutti i vincoli e limiti già discussi sopra, ma dando così il via al loro impiego su larga scala. Ricordiamo che tutto ciò vale solo per i monopattini, e non per altri hoverboard o altri tipi di veicoli elettrici.

Via: Il Sole 24 ore
  • M Thomson Barnes

    dovremmo ricordare a quel vigile un po’ troppo zelante che per ” condurre ” un monopattino ( anche elettrico ) , la patente di guida ( la licenza ) non e’ necessaria, la normativa vigente e per la materia in questione, non contempla pertanto alcun obbligo di dimostrare il superamento dell’esame e per certificare l’apprendimento delle nozioni che fanno riferimento al codice della strada. ne consegue che… nemmeno casco, targa e polizza possono essere resi obbligatori per coloro a cui non viene richiesto di seguire il corso di apprendimento e di superare l’esame. ( restano comunque validi gli obblighi che si applicano per i conducenti di veicoli che possono superare quei predeterminati limiti di velocita’ e che prevedono pertanto conseguimento della patente di guida ovvero il superamento dell’esame per l’apprendimento delle norme e del codice della strada , restano ancora validi quegli obblighi per targa, casco e polizza quando le norme prevedono che il conducente del veicolo debba essere in possesso della patente di guida )