Negozio Xiaomi a Milano: non solo smartphone, ecco quali prodotti arriveranno e a che prezzi

Lorenzo Delli -

Il 24 maggio è la data fissata da Xiaomi per lo sbarco in Italia. Il negozio dedicato esclusivamente ai prodotti del colosso cinese aprirà due giorni dopo a Milano (la location non è ancora stata svelata). I colleghi di DDay hanno avuto modo di intervistare Di Zhang, il General Manager di Wing, la società che importa i prodotti Xiaomi in Italia.

Vari gli argomenti trattati: i prodotti che saranno venduti in Italia, i prezzi e anche come funzionerà l’assistenza. A tal proposito, per l’acquisto nei negozi fisici sarà riconosciuta la classica garanzia dei prodotti acquisti all’interno dell’Unione Europea. Nel caso acquistiate da altri lidi (come Gearbest e altri store cinesi) non sarà garantita assistenza. Idem dicasi per vari store italiani che non fanno parte di Wing.

LEGGI ANCHE: Ecco in quali città sono i centri assistenza ufficiali Xiaomi in Italia

In Italia, da quanto affermato da Di Zhang, arriveranno subito circa 120 prodotti (in Cina ce ne sono quasi 6.000), un numero destinato ad aumentare nel corso dei mesi successivi all’apertura del primo negozio. È lo stesso Zhang ad ammettere che non è affatto banale importare i vari prodotti Xiaomi nel Bel Paese, per via delle certificazioni che cambiano di nazione in nazione. Non ci saranno ad esempio prodotti della linea medica (termometri, misuratori di pressione) che richiedono svariate certificazioni da parte di più enti, idem per i robot per le pulizie.

Purtroppo al momento dell’apertura saranno assenti anche i laptop e i televisori, ma queste due categorie di oggetti arriveranno al più entro la fine del 2018 o nei primi mesi del 2019. Ovviamente gli smartphone saranno tra i protagonisti indiscussi dello store, a fianco di tanti prodotti legati alla mobilità che abbiamo recensito anche qui, sulle pagine di SmartWorld. Quali? Hoverboard, biciclette, monopattini elettrici e altri. Non mancheranno poi prodotti per la casa di vario genere, come la macchina per il riso, gli spazzolini elettrici, telecamere per interni, altri dispositivi per l’IoT, gli asciugamani e altro.

LEGGI ANCHE: Xiaomi non conosce confini: presentati una lampada intelligente e un mini-smart tapis roulant per camminare 

Altri grandi assenti i droni: in questo campo Xiaomi teme la competizione, con DJI che al momento fa la voce grossa anche in terra cinese. Il bello è che alcuni di questi prodotti saranno disponibili anche nei negozi della grande distribuzione, come MediaWorld e simili. Gli smartphone invece saranno via via aggiunti ai listini dei principali operatori telefonici (non solo Wind Tre quindi). Ma è solo l’inizio.

Da quanto dichiarato da Zhang, Xiaomi si sta muovendo per attivare anche un e-commerce italiano, in modo da vendere i prodotti direttamente dal sito ufficiale Mi.com, e in futuro apriranno altri negozi fisici in città diverse da Milano (il manager ha parlato di “maggiori città italiane”). Si è parlato anche di prezzi: saranno più alti di circa il 3/4% rispetto a quelli spagnoli, che comunque non erano poi così elevati. Chiudiamo con un commercial doppiato in italiano pubblicato poco fa su YouTube.

Tour Negozio Xiaomi Barcellona

Fonte: DDay