Nest presenta Hello, per una casa connessa sin dalla porta d’ingresso

Emanuele Cisotti

Nest Hello non è un prodotto assolutamente nuovo visto che avevamo avuto modo di vederlo per la prima volta già a settembre. Adesso il prodotto arriva ufficialmente anche in Italia, sbarcando sullo store online.

Si tratta di un videocitofono smart, pensato principalmente per le abitazioni unifamiliari, piuttosto che per gli appartamenti, e si presuppone che possa essere sostituito ad un campanello già esistente visto che necessita di alimentazione elettrica. Si presenta come un discretissimo dispositivo verticale nero, con un tasto che si illuminerà avvicinandosi alla porta, per farvi capire qual è il tasto da premere. Poco sopra la telecamera grandangolare. Si tratta di un sensore 2K in formato 4:3. Il formato è stato scelto per far sì che le persone riescano ed essere visualizzate nella loro interezza. Il campo di visione è di 160° e gli algoritmi lavorano per diminuire la distorsione. Non manca la visione notturna e anche l’HDR.

Una volta premuto il tasto (che si illuminerà di blu) il vostro campanello di casa suonerà (come ovvio), ma non solo: verrà anche generata una notifica sullo smartphone dei componenti della famiglia che potranno quindi vedere in tempo reale dello smartphone il volto del visitatore. Sarà possibile quindi rispondere parlando attraverso lo smartphone per avvisare magari la persona di fronte alla porta che non intendiamo aprire o che non siamo in casa al momento. Se non abbiamo la possibilità di parlare attraverso lo smartphone potremo inviare un messaggio preregistrato in italiano fra i tre a disposizione: “un momento, arrivo subito”, “può lasciarlo davanti alla porta, grazie” e “non posso venire ad aprire”. Questa selezione potrà essere fatta anche dalla tenda delle notifiche o da smartwatch (Apple Watch o Android Wear).

Nella confezione si troverà un accessorio (che presumibilmente installerà la stessa persona, meglio un elettricista, che installerà Hello) da posizionare appena prima del campanello vero e proprio per farlo suonare quando necessario, ma anche per eventualmente disattivarlo quando si attiva la modalità Quiet Time, perfetta per quando il figlio dorme o il cane è un po’ irritabile dal campanello. In questa modalità il campanello non suonerà ma vi arriverà invece una notifica. La telecamera avvierà la registrazione anche nel caso una persone si soffermasse troppo a lungo davanti alla porta, anche senza premere il campanello. Potrete anche attivare l’integrazione con Google Home, che abbasserà l’eventuale volume della musica per annunciare chi è alla porta.

Sì, perché attivando Nest Aware avrete una notifica che indica il nome della persona alla porta, dopo averlo istruito nel tempo. Hello imparerà in automatico dalle vostre telecamere Nest nel caso ne aveste già in casa. Attivando il servizio a pagamento (che parte da 5€/mese, o 3€ nel caso di altre cam già attive su Aware) avrete a disposizione anche la registrazione continua delle clip, la possibilità di esportare i filmati e la possibilità di rendere attiva solo una porzione dell’immagine.

Nest Aware è disponibile sul sito Nest a 279€. Nest sarà disponibile anche su ePRICE e Unieuro a partire da metà giugno.

  • Stranger Thing

    Sicuramente costoso ma, a mio avviso, utile in più scenari, come ad esempio in caso di assenza a casa, se dovesse suonare il corriere, sarà più facile dare disposizioni (consegna al vicino..) o ancora, in caso di malattia ed essendo momentaneamente indisposti ad aprire (siamo in bagno..), in caso di visita di controllo potremmo avvertire di attendere un attimo…
    Molto utile anche la possibilità di silenziare il campanello e l’avviso in caso ci sia qualcuno fermo più del tempo necessario a suonare..
    Poi, per quanto riguarda la privacy, non vedo (al momento) preoccupazioni.