Neuralink: arrivano conferme sulla riproduzione della musica attraverso chip neurali, ma intanto…

Federica Papagni - ... Elon Musk si prepara a una nuova presentazione ad agosto.

Nel lontano 2016 Elon Musk ha dato i natali a Neuralink con l’obiettivo principale di progettare e realizzare interfacce neurali atte a collegare il cervello umano alle macchine. L’anno scorso in una conferenza l’eclettico fondatore ha illustrato i risultati raggiunti fino a quel momento e, inoltre, ha descritto in che modo questo collegamento potrà avvenire: Neuralink utilizzerà dei sottilissimi fili flessibili posizionati nei pressi dei neuroni, così da poter recepire e trasmettere i dati racconti verso dei sensori, posizionati sottopelle sul cranio attraverso dei fori fatti per mezzo di un laser. Le informazioni saranno poi inviate a un Pod removibile installato dietro l’orecchio, che a sua volta le invierà ad un computer o smartphone.

Musk stesso ha affermato in un recente podcast che le prime iterazioni di questa tecnologia sarebbero rivolte verso la riparazione di connessioni neurali interrotte, soprattutto in pazienti che soffrono di malattie come il Parkinson.

LEGGI ANCHE: Recensione iPad Pro 2020

Dopo esser stata lontana dai riflettori per un anno, ora Neuralink torna in scena non solo per via del nuovo evento in programma per il 28 agosto, ma anche per gli ultimi dettagli che sono stati rivelati del tutto ufficiosamente tramite Twitter da Musk. Infatti, in risposta ad alcuni tweet, uno dei quali postato dallo scienziato informatico Austin Howard, il fondatore della società con un laconico “Sì” ha dato conferma alle ipotesi dei più curiosi utenti circa la possibilità un giorno di poter ascoltare la musica attraverso chip collegati al cervello.

Però, un altro campo di utilizzo su cui Musk punta è anche quello finalizzato allo stimolo del rilascio di ossitocina, serotonina e altre sostanze chimiche quando necessario, che potrebbero essere utili per aiutare le persone a far fronte a disturbi quali ansia e depressione.

Quanto detto finora ai nostri occhi potrebbe rasentare la fantascienza, ma è allo stesso tempo evidente quanto nel futuro concepito dalla mente di Musk la simbiosi tra macchina e uomo sia possibile e realizzabile. Ovviamente, questi sono tutti progetti e potrebbero non essere ancora stati realizzati, ma con l’evento del 28 agosto nulla toglie che ulteriori dettagli vengano dichiarati.

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News


Ascolta “22/07 – ASUS ROG Phone 3, l'ecologia di Apple e Neuralink” su Spreaker.





Via: Android Headlines