Nikon B600 e A1000: una bridge “sottile” e una compatta dal look pro

Cosimo Alfredo Pina -

Nikon ha recentemente svelato due nuove compatte, non delle punta e scatta ma piuttosto qualcosa per chi cerca controlli manuali degni di una reflex/mirrorless. Il tutto ovviamente con il vantaggio di non dover pensare agli obiettivi. Andiamo a vedere nel dettaglio la Nikon B600 e la A1000.

Nikon B600

Partiamo appunto dalla Nikon B600, una bridge costituita da un corpo principale, relativamente sottile e  con display da 3″, da cui partono un’impugnatura bella pronunciata e uno zoom 60x, un 24-1440 mm.

Proprio l’obiettivo, ovviamente integrato, è corredato di tecnologia Hybrid Vibration Reduction (VR). Il sensore dietro all’apparato ottico è da 16 megapixel; non ci sono dettagli sulla dimensione, ma molto probabilmente è il classico 1/2,3″.

LEGGI ANCHE: Migliori fotocamere, la nostra lista

Sulla B600 c’è anche la modalità Active D-Lighting che aumenta la gamma dinamica dell’immagine catturata. Presenti sia i controlli manuali sia quelli automatici, per foto e video, che la B600 registra fino a 1080p a 30 fps. Il tutto con un prezzo di lancio di 359€.

Nikon A1000

Passiamo alla A1000, evoluzione della A900 che abbiamo avuto modo di provare poco più di un anno fa. Di fascia superiore rispetto alla B600, seppur con meno zoom, la Nikon A1000 monta un sensore CMOS retroilluminato 1/2,3″ da 16 megapixel. L’obiettivo è un 24-840 mm (35x).

Questo viene utilizzato dal resto della componentistica per scattare foto tra i 100 e i 6400 ISO, oppure girare video fino al 4K a 30 fps. Il display da 3″ è touch e, bella introduzione, c’è anche un mirino elettronico. Completa il tutto la tecnologia SnapBridge (Bluetooth + Wi-Fi) per comunicare con smartphone e tablet. Una compatta tutto fare che viene lanciata a 449€.

Entrambe le fotocamere in termini di qualità d’immagine forse non potranno rivaleggiare con le fotocamere con sensore più grande, ma dovremo attendere i primi sample reali per pronunciarci in tal senso e per valutare l’effettivo rapporto prestazioni/prezzo.

Via: dpreview.com