No ai Bitcoin per acquistare una Tesla: Elon Musk ci ripensa dopo 49 giorni (aggiornato: forse ci ripensa ancora)

No ai Bitcoin per acquistare una Tesla: Elon Musk ci ripensa dopo 49 giorni (aggiornato: forse ci ripensa ancora)
Vito Laminafra
Vito Laminafra
Aggiornamenti

Dopo solo 49 giorni dall'annuncio ufficiale, Elon Musk fa marcia indietro sui Bitcoin: non sarà infatti più possibile acquistare un'automobile Tesla utilizzando criptovalute, almeno per il momento.

Questa scelta riguarda l'impatto ambiente delle criptovalute: Musk ha dichiarato che finché il processo di mining dei Bitcoin non sarà sorretto quasi completamente da energie rinnovabili, Tesla non permetterà l'utilizzo di tale tecnologia. Nelle dichiarazioni dell'imprenditore sudafricano si legge che "la criptovaluta è una buona idea su molti livelli e crediamo che abbia un futuro promettente, ma questo non può avere un grande costo per l'ambiente".

Musk ha anche affermato che Tesla non effettuerà transazioni con i suoi 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin acquistati all'inizio di quest'anno, dopo aver venduto parte di questa scorta nei primi mesi di quest'anno.

[embed

Aggiornamento 23 luglio 2021

Durante l'evento B-Word, Elon Musk si è espresso nuovamente a favore delle critpovalute: "sembra che il bitcoin si stia spostando molto di più verso le energie rinnovabili e un sacco di centrali a carbone pesanti che venivano utilizzate... sono state chiuse, soprattutto in Cina”. Ha inoltre dichiarato che se continua così, Tesla accetterà nuovamente i Bitcoin per l'acquisto dell'automobile.

Commenta