Non solo schermi pieghevoli: ARM pensa ai chip "foldable" fatti in plastica

Non solo schermi pieghevoli: ARM pensa ai chip "foldable" fatti in plastica
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Negli ultimi anni abbiamo visto sul mercato sempre più dispositivi pieghevoli: questo è stato possibile grazie ai passi in avanti fatti con tecnologie come gli schermi flessibili, ma adesso si punta ancora più in alto. ARM infatti è riuscita a produrre un chip "pieghevole" costruito in materiale plastico.

La società britannica ha pubblicato un paper sulla rivista scientifica Nature in cui ha spiegato come sia riuscita in questa impresa: non è la prima volta che sentiamo parlare di tecnologie simili, ma ARM sembra essersi spinta davvero oltre, dato che il suo chip possiede 12 volte il numero di porte logiche rispetto ad esperimenti passati e utilizza una CPU Cortex-M0 a 32 bit, 456 byte di ROM e 128 byte di RAM.

Ovviamente non si tratta di un chip davvero utilizzabile su dispositivi avanzati: PlasticARM, questo il suo nome, riesce ad eseguire solo programmi di test, e al momento si tratta più che altro un punto di partenza per lo sviluppo di tecnologie simili.

Le applicazioni pratiche dei chip flessibili sono molteplici e saranno di grande aiuto nello sviluppo di prodotti di domotica e Internet of Things.

Commenta