Brutto colpo per NVIDIA: multa di oltre 5 milioni di dollari

L'azienda avrebbe nascosto il numero di schede vendute per mining
Brutto colpo per NVIDIA: multa di oltre 5 milioni di dollari
Vito Laminafra
Vito Laminafra

Tra i motivi che hanno portato alla scarsità di schede video troviamo, oltre alla crisi dei semiconduttori che ormai ci accompagna da quasi due anni, anche la crescente crescente richiesta di GPU da parte dei miner di criptovalute. Le schede video infatti sono particolarmente adatte a questa pratica e dunque i "minatori" cercano di acquistarne il più possibile per massimizzare le entrate.

È però proprio a causa di questo fenomeno che NVIDIA è stata multata per 5,5 milioni di dollari dalla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, ovvero l'ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori. Secondo il SEC infatti, l'azienda avrebbe intenzionalmente nascosto il numero di schede video vendute espressamente per fare mining, dichiarando invece agli investitori che le recenti entrate erano legate quasi esclusivamente al settore gaming. Le accuse fanno riferimento ai rapporti finanziari dell'anno fiscale 2018.

Data la natura estremamente volatile delle criptovalute, i numeri di NVIDIA non indicavano una crescita futura affidabile, rendendo dunque molto rischiosi gli investimenti fatti basandosi proprio sui dati finanziari dell'azienda: alcune dichiarazioni di NVIDIA nei rapporti finanziari hanno allertato gli azionisti, che dunque hanno richiesto l'intervento del SEC.

Via: The Verge
Mostra i commenti