Oculus Connect 6, valanga di novità: via i controller, si gioca con le mani; giochi Rift su Oculus Quest e tanto altro

Lorenzo Delli -

Prende il via oggi l’Oculus Connect 6, un evento dedicato alla realtà virtuale di casa Oculus (e Facebook quindi) che con il suo keynote di apertura sta svelando al mondo i piani futuri dell’azienda. E con l’occasione Oculus ha svelato davvero molte novità, andiamo a riassumervele tutte nei seguenti paragrafi. Prima però Oculus ha rivelato dei risultati molto importanti per il mondo della realtà virtuale. Pensate che gli utenti Oculus hanno speso qualcosa come 100 milioni di dollari in contenuti VR sull’Oculus Store, di cui il 20% da Oculus Quest. Una testimonianza dello stato di salute di questo universo in continua crescita.

Hand Tracking

Iniziamo dalla novità che riteniamo essere di maggiore interesse. Oculus sta muovendo i primi passi verso una realtà virtuale controllata utilizzando unicamente il miglior strumento del mondo: le nostre mani! Gli Oculus Touch Controller sono ottimi, ma nulla può sostituire le mani. È proprio su questa base che è in arrivo l’hand tracking su Oculus Quest: sfruttando le fotocamere poste sulla parte frontale del visore stand-alone, si potrà tracciare i movimenti delle mani e tradurli in azioni direttamente nell’ambiente virtuale in cui ci si trova, il tutto senza sfruttare hardware aggiuntivo. L’hand tracking su Quest sarà rilasciato come caratteristica sperimentale per i proprietari del visore e per gli sviluppatori all’inizio del 2020. Altre info seguendo questo link.

Facebook Horizon

Annunciato proprio oggi in occasione del keynote, Facebook Horizon viene definito come una nuova esperienza social in realtà virtuale dove ogni utente potrà costruire i propri mondi, il tutto grazie a facilissimi tool da utilizzare che non richiedono competenze di programmazione. La beta inizierà durante i primi mesi del 2020, ed è già possibile iscriversi seguendo questo link.

Oculus Link

Un’altra novità che riguarda Oculus Quest. Si tratta di un nuovo modo per accedere ai contenuti Rift direttamente su Oculus Quest. Vi basta un PC gaming sufficientemente potente e un cavo USB-C di alta qualità (e abbastanza lungo), il software in versione beta che sarà rilasciato a novembre e il gioco è fatto! In questo modo si potrà, con un solo visore, sperimentare le modalità di utilizzo di Quest (senza fili) o quelle PC utilizzando il cavo. Verso la fine del 2019 verrà rilasciato anche un cavo premium con il massimo throughput per i contenuti Rift e un cavo più lungo in modo da potersi muovere facilmente in VR. Altre info qui.

Medal of Honor: Above and Beyond

Ve ne parliamo più nel dettaglio in un articolo dedicato qui su SmartWorld. È un nuovo capitolo della celebre saga realizzato per Oculus Rift e Rift S da Respawn Entertainment in collaborazione con Oculus Studios. Arriverà nel 2020.

Altri giochi

È in arrivo il secondo episodio di Vader Immortal per Oculus Quest, dovrebbe essere disponibile all’acquisto già da stasera! Non finisce qui: aprono i pre-ordini di Asgard’s Wrath di Sanzaru Games (lancio 10 ottobre) e di Stormland, di Insomniac Games (lancio 14 novembre). È in arrivo anche un nuovo pack di espansione per Beat Saber, Panic! At The Disco Music Pack.

Oculus Media Studio + TV update

Media Studio è un nuovo strumento per la creazione e l’upload di contenuti direttamente in realtà virtuale. Ciò significa che, visore indosso, potremo pubblicare i vari contenuti da noi creati (come video gameplay e simili) senza levarci il visore di dosso. Dovrebbe essere disponibile già da oggi. Ci sarà anche un aggiornamento per Oculus TV, l’hub per Oculus Quest e Oculus Go. Arriverà però durante il corso dell’autunno.

Oculus for Business

A novembre arriva una piattaforma tutta nuova pensata per il business moderno: permetterà tramite la realtà virtuale l’interazione tra dipendenti, la cura delle relazioni con i clienti e un flusso di lavoro costante anche da remoto. La closed beta dovrebbe partire già da stasera.