L’uso dei pagamenti digitali cresce in tutto il mondo, Italia compresa

Vezio Ceniccola

I pagamenti elettronici stanno cominciando a fare breccia anche nel cuore degli italiani. Questo è quanto emerge dal nuovo studio realizzato da Capgemini in collaborazione con Bnp Paribas, nel quale sono stati analizzati i comportamenti di pagamento dei nostri concittadini negli ultimi anni, con liete novità per tutti gli utenti più tecnologici.

Infatti, si registra una netta crescita per le transazioni non in contanti, in aumento del 5,6% ogni anno tra 2011 e 2015. Gran parte di tale crescita dipende dai pagamenti con carte di credito o di debito, ma sono sicuramente in ascesa anche i pagamenti digitali, che potrebbero diventare sempre più diffusi nei prossimi anni.

Entro il 2020, i pagamenti digitali in tutto il mondo cresceranno ancora del 10,9%, andando oltre i 726 miliardi di transazioni. Già nel periodo 2014-2015, il volume delle transazioni digitali a livello mondiale è salito dell’11,2%, spinto anche dai Paesi in via di sviluppo, che presentano economie molto più dinamiche.

LEGGI ANCHE: Apple Pay è disponibile in Italia

L’utilizzo sempre più diffuso di smartphone, tablet, periferiche per la realtà virtuale e altri dispositivi connessi, consentirà ai pagamenti digitali di entrare sempre più nella vita quotidiana, rendendo più semplice e rapido il loro utilizzo. I contanti rappresentano ancora una scelta largamente utilizzata, soprattutto per i pagamenti di cifre più piccole, ma un futuro senza portafogli non è così lontano come ci aspettiamo.

Via: Corriere Comunicazioni