Parrot ha deciso di uscire dal mercato dei mini droni e la colpa è di DJI

Edoardo Carlo Ceretti L'azienda francese non è più in grado di contrastare lo strapotere di DJI nel mercato consumer.

Non giungono buone notizie per gli appassionati di droni, dal fronte Parrot. L’azienda francese ha infatti confermato ufficialmente ai colleghi di The Verge il suo disimpegno nel mercato consumer, fermando la produzione di tutta la sua linea di prodotti, ad eccezione del modello top di gamma Anafi.

Va sottolineato che già da tempo Parrot aveva manifestato l’intenzione di intensificare i propri sforzi sul settore commerciale e business, pur continuando a supportare la sua celebre ed apprezzata linea di mini droni. Nonostante il mercato dei droni stia vivendo un momento molto positivo, la competizione di DJI ha messo alle strette la maggior parte dei rivali, fra cui Parrot, che ha dunque deciso di chiamarsi fuori dal segmento che l’ha vista protagonista per molti anni.

LEGGI ANCHE: Parrot Bebop 2, la recensione

Per il momento, Parrot non ha ancora abbandonato completamente il settore consumer, ma la mossa di questi giorni potrebbe essere soltanto un primo passo in questa direzione. D’altronde, nel primo trimestre del 2019, soltanto il 38% dei ricavi di Parrot sono derivati dal mercato consumer dei droni, in ribasso del 58% rispetto allo stesso periodo del 2018. La dura legge di DJI ha dunque fatto una vittima illustre e non è mai una buona notizia per gli utenti quando la competizione si riduce.

Fonte: The Verge
  • Bruno XS

    La colpa non è di dji ma di parrot che non ha saputo mettere sul mercato prodotti decenti.

    • Dario Pitacco

      Giusto

  • Salvatore Scontrino

    Avete messo la foto dell’Anafi che è l’unico che non c’entra con i minidroni e che non sarà dismesso come scritto anche nell’articolo!

    • Edoardo Carlo

      Abbiamo messo la foto di Anafi appunto per quello 😀

  • Dario Pitacco

    Sinceramente sono più “belli” i droni di DJI, non tanto per l’estetica, ma quanto per costruzione, materiali e interazioni. Quindi, c’era da aspettarselo