Il Pentagono ha due correnti di pensiero: prima raccomanda i droni DJI e poi si smentisce

Il Pentagono ha due correnti di pensiero: prima raccomanda i droni DJI e poi si smentisce
Filippo Morgante
Filippo Morgante

Dopo le numerose controversie tra il governo degli Stati Uniti e DJI in merito all'effettiva sicurezza dei droni del marchio cinese, il Pentagono aveva comunicato tramite un rapporto che due droni DJI "Government Edition" erano "raccomandati per l'uso da enti governativi". Le precedenti paure erano relative ad un presunto spionaggio da parte del governo cinese. Tuttavia, il 23 luglio, il Dipartimento della Difesa (DOD) ha rilasciato una dichiarazione sul rapporto, dicendo che il suo rilascio non era "autorizzato", e ribadendo la sua posizione secondo la quale i droni di DJI "pongono potenziali minacce alla sicurezza nazionale".

Il dietrofront da parte del DOD è totale, e sarebbe anche in corso un'indagine interna per definire come questo rapporto "impreciso e scoordinato" sia potuto uscire. Il rapporto non autorizzato del Pentagono sosteneva di non aver trovato alcun codice maligno durante la fase di analisi di due modelli di droni. Il Dipartimento della Sicurezza Nazionale aveva precedentemente eseguito dei test sul DJI Mavic Pro e sul Matrice 600 Pro nel 2019, non trovando prove di dati inviati a destinazioni sospette.

Anche la nuova amministrazione sarebbe apparentemente giunta alla stessa conclusione in questi ultimi giorni.

DJI si trova attualmente sulla Entity List, che impedisce alle aziende statunitensi di vendere qualsiasi loro tecnologia a DJI, e il rapporto del Pentagono arriva mentre il Congresso sta considerando una legge che vieterebbe al governo di acquistare droni cinesi per cinque anni a partire dal 2023. Tuttavia, nessuno dei controlli del governo impedirà ai consumatori di acquistare un drone DJI. L'azienda cinese sarà ancora in grado di creare e vendere i suoi prodotti consumer negli Stati Uniti.

"Questa dichiarazione del DOD conferma ciò che DJI è stato detto da un funzionario del DOD all'inizio di quest'anno, che una revisione di sicurezza tecnica interna che coinvolge il reverse-engineering di tutto il codice sorgente è stata eseguita sui prodotti DJI e che questa profonda analisi tecnica ha confermato i prodotti DJI non mostrano alcun codice dannoso o intento e sono raccomandati per l'uso da una prospettiva di sicurezza. Non era un rapporto che ha commentato o cambiato la politica di approvvigionamento del DOD, che è regolata da uno statuto del 2019, e che è ciò che la dichiarazione del DOD la scorsa settimana semplicemente ribadisce. L'analisi del codice sorgente del DOD è l'ultima di una lunga lista di esami di sicurezza di terzi sulla tecnologia DJI negli ultimi tre anni, e nessuna prova è mai stata presentata a sostegno della nozione che i prodotti DJI siano una minaccia per la sicurezza nazionale."

da DJI
Via: TheVerge

Commenta