Poste Italiane punta sull’innovazione e vuole introdurre il riconoscimento facciale nei pagamenti da mobile

Roberto Artigiani

È lo stesso Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane, a parlare alla prima giornata di Digithon, una manifestazione dedicata ai giovani talenti digitali che si sta tenendo in Puglia in questi giorni. La sua azienda ha dovuto affrontare l’impetuoso affermarsi di Internet negli ultimi 15 anni e così come è riuscita a gestire la transizione dalla posta ordinaria ai pacchi, vuole rimanere leader nel settore dei pagamenti da mobile.

Del Fante infatti afferma che la qualità dell’attività di consegna dei pacchi, notevolmente aumentata a seguito dell’espansione dell’e-commerce, “è superiore a tutte le medie europee”. Accanto alla direttiva logistica, che ha visto la sostituzione della posta cartacea, se ne sta affermando una seconda relativa ai pagamenti.

LEGGI ANCHE: Google Pay pronto per l’Italia

Poste Italiane infatti è il primo operatore nazionale con 26 milioni di carte di pagamento che rappresentano “di gran lunga il primo strumento di pagamento digitale utilizzato dagli italiani”. Posizione che però potrebbe essere messa a repentaglio dall’arrivo di “qualche colosso internazionale” (velato riferimento a Google Pay?, ndr), per questo è necessario puntare sull’innovazione: “a luglio lanciato la possibilità di fare pagamenti con l’impronta. A brevissimo utilizzeremo la stessa funzionalità con il riconoscimento facciale“.

Via: CorCom
  • Marcus Zeitgeist

    Non riescono manco a tracciare i pacchi come si deve e vogliono fare gli innovatori… Ma per piacere.