Il 5G ha vinto la battaglia per il futuro della mobilità smart nell’Unione Europea

Edoardo Carlo Ceretti BMW e Qualcomm gongolano, ma la tecnologia non è ancora pronta.

E alla fine il 5G ha prevalso nella corsa al futuro dello smart automotive, per volontà dei Paesi membri dell’Unione Europea, che hanno scelto di affidarsi alla nuova tecnologia, sostenuta da Qualcomm e BMW. Ad avere la peggio è stata la tecnologia basata sul Wi-Fi, caldeggiata dalla Commissione Europea e da un costruttore del calibro di Volkswagen.

La Commissione Europea si era schierata contro il 5G e a favore di un nuovo standard Wi-Fi per un motivo molto semplice: il Wi-Fi è già pronto e avrebbe potuto da subito iniziare a cambiare il modo di vivere la mobilità europea, mentre il 5G è ancora lungi dal poter mostrare davvero tutte le sue potenzialità.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che dovete sapere sul 5G

Potenzialità che sono indubbiamente maggiori e dunque i Paesi dell’Unione Europea hanno preferito un progetto più a lungo termine, che poterà benefici su larghissima scala. Ci vorrà più pazienza, ma i risultati del 5G arriveranno, in termini di sicurezza sulle strade e guida autonoma. La strada è dunque tracciata e non vediamo l’ora che il futuro che da anni immaginiamo, diventi realtà.

Fonte: Reuters
  • RovereTano

    Cosa piacete o lovate con le faccine, tecnologia inutile, dannosa per la salute e l’ambiente e per funzionare si devono abbattere gli alberi nelle città.

    • Phelton Birmingham

      Si si verissimo. E le scie chimiche… Dove le metti? Anche quelle ci stanno uccidendo! È un complotto mondiale, come la terra tonda (tutti lo sanno che è piatta), con queste storie assurde e i vaccini ci manipolano la testa, Quando si sveglierà la gente? Dico quando!!!!
      Per favore…
      È veramente piacevole vedere come internet abbia dato ai più ignoranti e disinformati trogloditi della terra, la sicurezza di imbracciare i forconi e a volersi scagliare conto ciò che non capiscono e non hanno voglia di capire, fermandosi e accettando per assolutamente vere stupidaggini e idiozzie dette da persone ancora più disinformate.
      Altro che era dell’informativa… Internet è l’era della disinformate dilagante.