Qualcomm Snapdragon XR1: 4K, AI e tracking per questo chip per VR ed AR (foto e video)

Cosimo Alfredo Pina -

La corsa alla realtà virtuale ed aumentata continua, anche grazie al nuovo hardware dedicato a questa tecnologia annunciato quest’oggi Qualcomm. Si tratta della piattaforma Qualcomm Snapdragon XR1, un sistema tutto in uno pensato per la realtà estesa.

Questo SoC per la Extetended Reality (da qui la sigla XR) integra tutto quello che può servire su un visore standalone, quelli che funzionano senza dispositivi esterni come smartphone o computer come Oculus Go e HTC Vive Focus.

A bordo di XR1 quindi moduli per la gestione del comparto audio, di quello video ed ancora sistemi per il tracciamento della posizione nello spazio virtuale ed anche attenzione alla sicurezza.

La CPU della serie Kyro, la memoria ed i vari processori di segnale (Spectra) dovrebbero garantire tempi di risposta ridotti al minimo (sotto i 20 ms!), mentre la GPU Adreno promette esperienze di gioco top, almeno rimanendo su un livello simil-mobile, grazie anche al supporto del tracking dei movimenti della testa ed a controller con fino a sei gradi di libertà.

Non manca ovviamente il Wi-Fi per interfacciarsi con i prodotti basati sul web, mentre l’audio con codec aptX ed aptX HD, cancellazione del rumore e DSD promette esperienze immersive ed anche di qualità.

LEGGI ANCHE: Snapdragon 710, nuova famiglia di processori

Grazie a tutto questo Qualcomm promette anche il supporto ai contenuti 4K a 60 fps, anche se in termini di hardware la piattaforma XR1 supporta solo schermi QHD+. Degno di nota il fatto che la piattaforma sia ottimizzata anche per “vedere” quello che ha davanti e quindi si aprono prospettive per nuovi derivati dal concetto di Google Glass.

Completa il tutto un comparto hardware dedicato totalmente a machine learning in locale, con supporto anche al famoso framework di Google, TensorFlow. Questo modulo sarà utilizzato per riconoscimento vocale, tracking predittivo e riconoscimento degli oggetti.

Sulla carta tutto davvero molto interessante, soprattutto perché con questa versatilità la piattaforma punta tanto all’intrattenimento quanto a settori come formazione, customer care e manifattura.

Per ora però i dettagli sull’hardware scarseggiano. Vedremo nei prossimi mesi quali produttori si faranno convincere da Snapdragon XR1 per i visori VR ed AR di futura generazione. Già da adesso si parla di aziende come HTC Vive, Vuzix e Picoare.