Quella volta in cui Elon Musk tentò di vendere Tesla a Apple, e Tim Cook lo snobbò

Quella volta in cui Elon Musk tentò di vendere Tesla a Apple, e Tim Cook lo snobbò
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Si profila un interessante siparietto quello che è stato avviato ieri da Elon Musk, la mente dietro Tesla e ai progetti innovativi come SpaceX, che coinvolgerebbe direttamente Apple e il suo CEO, Tim Cook.

Tutto nasce da alcuni commenti di Musk alla notizia riportata da Reuters, secondo la quale Apple starebbe sviluppando un veicolo elettrico con particolari innovazioni tecnologiche, soprattutto dal lato autonomia della batteria. I dettagli più interessanti risiedono nel tweet in cui Musk racconta della volta in cui cercò di vendere Tesla a Apple.

L'idea di vendere Tesla a Apple sarebbe venuta a Musk in un periodo difficile per lo sviluppo della Model 3. Pertanto Musk contattò Apple per sondare il territorio ma Tim Cook lo snobbò, rifiutandosi persino di concedergli un incontro per parlarne. Al momento dell'accaduto, Tesla valeva, a detta dello stesso Musk, circa un decimo del suo valore attuale.

Musk ha anche commentato i dettagli riportati da Reuters sull'auto elettrica di Apple, affermando di non avere chiare le innovazioni tecniche sulla batteria: secondo lui infatti sarebbe tecnicamente impossibile implementare una batteria al fosfato di ferro con design monocellulare, come starebbe facendo Apple appunto. Quello che secondo Musk sarebbe fattibile è la realizzazione di un pacco batterie di questo tipo, le quali legate insieme possono fornire una tensione massima accettabile per essere usate in un veicolo elettrico.

Engadget ha chiesto a Apple di commentare la vicenda relativa al curioso rifiuto di Tim Cook nei confronti di Elon Musk, torneremo ad aggiornarvi se dovesse arrivare una risposta.

Via: Engadget

Commenta