Rivoluzione da N26: per i nuovi clienti Standard la carta Mastercard sarà virtuale

Vincenzo Ronca

N26, la banca online tedesca che ha acquisito molto seguito negli ultimi anni, ha appena introdotto delle importanti novità riguardanti essenzialmente i suoi nuovi clienti. Andiamo a vederle insieme.

N26 ha annunciato che i suoi prossimi nuovi clienti che apriranno un conto Standard, ovvero quello che non prevede costi fissi, avranno a disposizione una carta di pagamento virtuale. Dunque non riceveranno più la carta di debito in plastica a domicilio, ma potranno contare su una carta direttamente associata al portafogli virtuale. Pertanto non sarà necessario attendere la ricezione della carta via posta, e nemmeno applicare la procedura di attivazione una volta ricevuta.

LEGGI ANCHE: i sottotitoli automatici arrivano su Zoom

La carta virtuale di N26 non comporterà alcun costo fisso per i clienti, così come non erano previsti costi di spedizione e costi fissi per la carta di debito in plastica che precedentemente arrivava ai nuovi clienti della banca. La carta virtuale sarà ovviamente compatibile con i pagamenti digitali tramite NFC, e gode del pieno supporto di Google Pay e Apple Pay.

Per coloro che invece vorranno comunque avvalersi della carta di debito fisica, l’opzione rimarrà comunque disponibile al costo di 10€. La novità verrà applicata per tutti i nuovi clienti N26 che sceglieranno un conto Standard a partire dal 25 febbraio 2020.

Fonte: N26
  • Alvar Mayor

    Pertanto non sarà necessario attendere la ricezione della carta via posta, e nemmeno applicare la procedura di attivazione una volta ricevuta.
    Era già così, questo è solamente un rincaro.

    • geco4u

      N26 è peggiorata molto negli anni. All’inizio le condizioni erano imbattibili, poi hanno man mano rimodulato quasi tutto… Prelievi, commissioni per ricariche, etc.
      Ovviamente c’era da aspettarselo, perché non potevano sostenere la loro crescita in quella maniera

      • Alvar Mayor

        Io ce l’ho ed al momento è davvero a 0 spese, ricaricando via bonifico ed usando il conto per le spese correnti. Aggiungessero costi al mio uso quotidiano, chiuderei il conto domani.

        • geco4u

          Si, ma all’inizio (almeno in Germania) potevi anche versare contante nei centri abilitati, ed i primi 100€ /mese erano senza commissioni. Adesso non più. Anche i limiti per fare prelievi gratis sono stati abbassati, ora se non sbaglio max 3 prelievi /mese (Germania)

  • Firn3000

    Sono partiti che era tutto gratis, adesso uno deve stare ben attento che ci mette un attimo a pagare appena esce dal cortiletto delle condizioni. Per i clienti con il conto a pagamento invece le condizioni sono talmente onerose che tanto vale che abbia un conto con una banca, almeno ha molti più servizi.
    La critica non è solo a N26, ma anche alle altre carte/conti nati nello stesso periodo con la medesima filosofia

    • nicola carlucci

      Confermo…anche noi con ing direct,più di 10 anni orsono,era tutto gratis…poi hanno iniziato con il 4% sui prelievi con carta di credito,poi passaggio da visa a Mastercard,poi conto corrente a piccolo prezzo,poi blocchetto assegni sempre da gratis a 7€ adesso…state rompendo le palle..tutti

      • Tiwi

        vero, anche revolut per esempio man mano sta rimodulando, ora le spedizioni della carta costano 7euro, prima era gratis, i prelievi erano max 200euro al mese, ora hanno aggiunto un limite di prelievi (max 3 mi pare)
        però sono conti che restano gratuiti per le cose basilari, io uso revolut per spese online (con le carte virtuali) e uso la ricarica gratis tramite carta mentre per i prelievi faccio un bonifico istantaneo (gratis con revolut) su n26
        se aumentano o inseriscono altri costi, prendo e chiudo tutto, ma non mi aspetto che siano gratis per sempre

  • galletto73

    anche per me nessun costo

  • Tiwi

    beh, peccato, la carta virtuale la metti su google pay e la usi normalmente, ma non puoi sfruttare i prelievi gratuiti, che sono passati da “illimitati” a max 3 al mese per il conto standard