I robot Atlas e SpotMini si mostrano in nuovi video: inquietanti o sorprendenti? Forse entrambi (video)

Vincenzo Ronca

Il tema dei robot, sempre più simili agli umani in termini di abilità e capacità intellettive, è sempre più attuale e divide sia dal punto di vista etico che pratico. Boston Dynamics è una delle azienda leader operante nel campo della robotica ed ha diffuso due nuove dimostrazioni delle potenzialità dei suoi prodotti.

Stiamo parlando dei robot Atlas e SpotMini: il primo è un umanoide dalle movenze incredibilmente umane ed il secondo una sorta di cane robot. Entrambi sono dotati di un sistema audiovisivo per mappare e riconoscere l’ambiente in cui si muovono, in modo da farlo autonomamente.

LEGGI ANCHE: come fa Google Duplex ad essere così umano?

Nel primo video vediamo Atlas correre su un prato, incontrare un ostacolo saltarlo agevolmente ed elegantemente. Il fatto che il robot sia riuscito a farlo senza alcun pre-allenamento sul terreno che stava per percorrere è alquanto impressionante. Il secondo video ci mostra come SpotMini si possa muovere in un ambiente chiuso e strutturato con corridoi e porte: vediamo anche come il sistema visivo del robot mappi in tempo reale l’ambiente circostante con una notevolissima reattività.

Vi lasciamo gustare entrambi i video nella galleria qui sotto, lasciandovi anche qualche interrogativo sulle vostre impressioni nel vedere un oggetto creato dall’uomo animarsi in modo molto simile all’uomo stesso, svolgendo azioni implicanti la stessa capacità di ragionare e prendere decisioni.

Via: The Verge
  • maurolaspisa

    Wow tecnologico ma ops-help o guai antropologici in vista; usi militari e industriali ma anche privati,chi può permetterselo. Se abbiamo inventato robot che possono fare a meno di noi per cosa saremo utili una volta diventati inutili? Aumenta poi la disponibilità di uomini di carne ed ossa possibilmente info-analfabeti per compiti di bassa utenza. Super-umanità di alta tecnologia e sotto-umanità carnale. Ieri tra bianco e colored,oggi tra info-individui e non.La specie umana ha realizzato la schizofrenia tecnologica. Si attendono conseguenze.