Samsung svela ufficialmente il suo primo chip Exynos per automobili: debutterà nel 2021 sulle future Audi

Edoardo Carlo Ceretti Si tratta di un'unità octa core Cortex-A76 con frequenza massima di 2,1 GHz.

Le prime voci erano circolate a partire dal 2017 e, circa un anno fa, vi avevamo riportato ulteriori indiscrezioni a riguardo, ma ora Samsung ha deciso di rompere definitivamente gli indugi e annunciare ufficialmente il proprio ingresso nel mercato dei chip per l’infotainment smart delle automobili.

Il chip appartiene alla serie Exynos, ma è il capostipite di un nuovo segmento, di importanza crescente nel futuro del colosso coreano. Si chiama Exynos Auto V9, vanta una configurazione octa core in architettura ARM Cortex-A76, con frequenza massima di 2,1 GHz, e sarà realizzato tramite il processo costruttivo a 8 nm.

LEGGI ANCHE: SEAT aggiunge il supporto ad Amazon Alexa sulle auto in vendita in Italia

Le potenzialità del nuovo chip saranno molteplici, fra cui il supporto a fino 6 display e 12 sensori fotografici installati sulla vettura. La GPU integrata è una ARM Mali G76, supporterà l’audio ad alta definizione e sarà affiancata da un’unità dedicata all’intelligenza artificiale e un’altra ancora alla sicurezza, con supporto agli standard Automotive Safety Integrity Level (ASIL)-B. Non mancherà nemmeno il supporto a memorie DRAM di tipo LPDDR4 e LPDDR5 .

La nuova piattaforma di Samsung ha già uno sguardo proiettato verso il futuro, dal momento che non la vedremo integrata nelle prime auto in questo 2019 appena iniziato, né probabilmente nel 2020. La partnership con Audi punta infatti a concretizzarsi nel 2021, quando la tendenza dello smart automotive sarà una realtà quotidiana e dunque una potenziale miniera d’oro per Samsung, che ha dunque posto le basi per farsi trovare pronta al momento giusto.

Via: SamMobileFonte: Samsung