Secondo Canalys, Google non è più il secondo venditore di smart speaker al mondo

Matteo Bottin A batterla è stata un'azienda che opera per il 100% nel mercato cinese

Pensavate che Google stesse andando bene grazie ai suoi Nest Home? Ebbene, non è proprio così: l’ultimo report di Canalys riguardo gli smart speaker non solo vede Google in perdita, ma anche scendere di un gradino sul podio.

Il mercato globale degli smart speaker è cresciuto (in un anno) del 55,4% nel Q2 2019, raggiungendo quota 26,1 milioni (contro i 16,8 del Q2 2018). Tra i maggiori protagonisti, quasi tutti sono in crescita: Amazon è al +61,1%, Xiaomi al +37,5%. L’unico in picchiata è Google, che segna un -19,8%.

Ma la vera sorpresa è vedere Google al terzo posto (primo è Amazon con i suoi Echo). Chi avrà sorpassato l’azienda di Mountain View? Xiaomi? Macché! Apple? Ma no! La risposta è Baidu, un’azienda che opera totalmente nel mercato cinese e in un anno ha visto una stratosferica crescita del +3.700%, passando da 0,1 milioni a 4,5 milioni di unità vendute in appena un anno.

Sebbene il risultato di Baidu sia strabiliante, dobbiamo anche considerare che Google opera in tutto un altro mercato, ed è proprio questo il problema: il crollo maggiore di Google si ha negli Stati Uniti, dove si passa dal 58% al 45% delle spedizioni di Big G. Il mercato estero, invece, è in leggera crescita.

LEGGI ANCHE: Preparate il portafogli: nuovo Google Home Mini in arrivo con suono migliore, jack audio, installazione a parete e nuovo nome

Amazon, dall’alto delle sue 6,6 milioni di unità vendute, stravince sugli altri, e la crescita maggiore si ha fuori dagli Stati Uniti, dove le vendite sono più che raddoppiate.

Fonte: Canalys
  • danybest82

    un mercato chiuso come quello cinese dovrebbe essere preso in considerazione per il calcolo delle vendite totali del resto del mondo?

    • cthulberg

      Si, perchè quando quel mercato di tanto in tanto si apre all’occidente propone mazzate come Xiaomi.

  • TheJedi

    Amazon fa pubblicità a tappeto, Google no, questo ha decretato il successo degli Echo.

    • Okazuma

      La pubblicità c’entra poco anche perché qui non la fanno ma in USA si.
      La verità è che Amazon ha dispositivi di tutti i tipi, di tutte le fasce di prezzo e che funzionano MOLTO meglio per la domotica.
      Ad oggi, Google, ha solo 1 Home/Nest con telecamerae non è neanche disponibile a livello Globale.
      Non entro poi nel merito della domotica perché ci sarebbe da scrivere per ore con tutte le cose che non funzionano in ambiente Google

      • TheJedi

        Le pubblicità in USA io le vedo molto spesso seguendo il football, non sono dedicate specificamente agli Home/Nest, ma all’assistente e anche ad Android o proprio a Google in generale, ovviamente mostrano anche gli speaker, ma non è una pubblicità per questi. Poi la stagione è finita a febbraio, non so cosa abbiano fatto fin’ora, ci risentiamo tra due settimane che ricomincia il campionato 😅